News

VIDEO! Il fantasma di Ventina

Di Blasi e Silvestri pubblicato il 14/06/12


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Commenti

Guido il 17/06/12
Giuseppe hai perfettamente ragione e io la penso in totale come te,e infatti come ti ho detto se hai un gruppo ben foltito di amici ,o fate in modo di esserci sempre voi sul posto cosi da far andare vvia questi individui,oppure ancora meglio fate domanda per guardie ittiche volontarie....io perche ho dei carichi pendenti abbastanza grossi(nel penale)e quindi non posso farlo senno gia ero guardia....se avete la possibilita fatelo perche cosi siete voi le guardie e siete sicuri di far rispettare la legge.


giuseppe ruggeri il 15/06/12
E si Guido,hai e abbiamo perfettamente ragione.L'unica cosa che ci rimane e rivendicare e denuciare il tutto e che lo Stato stesso e tutte le leggi cambino per farle rispettare e basta! QUI NESSUNO E' EROE, ma sono un umile pescatore che e' stanco di vedere e subire come tanti. se cambiano le istituzioni...un giorno i figli dei nostri figli potranno dire GRAZIE, E GRAZIE DI PESCARE UN PESCE CHE SI E' SALVATO GRAZIE ALLE VOSTRE DENUNCE E RIVENDICAZIONI! so che non e' reato pescare e portarsi via una carpa,ma se divenisse animale protetto, lo sterminio sara' sempre presente ma di meno secondo me,perche' saranno piu' controlli e pattugliamenti per salvaguardare questo abitat che pian piano ci stanno distruggendo!!! le leggi devono cambiare e per farle rispettare da italiani e stranieri,deve partire tutto dall'alto,dal governo stesso e forse cambiera' qualcosa.


Guido il 15/06/12
Caro Giuseppe ti dico la mia... Il problema di tali individui è radicato in tutta italia(e non solo)....almeno per quanto riguarda la mia zona,lo sai perche le guardie non passano a fare i controlli?e sai perche se passano rompono le cosiddette solo a noi in regola?Perchè sanno benissimo che se facessero una multa a tali individui,costoro,gliela strapperebbero in faccia o al limete non la pagano....quindi avoglia a chiamarli quando io ne ho visti tre legati ad un albero con una corda,perche quasi sulle sabbie mobili con il fango al collo, per fottere le carpe a mano lo sai cosa mi hanno risposto testuali parole:"Non le crediamo non racconti storie fantascientifiche e non si permetta di ritelefonare per fare un altro scherzo se no la denuciamo(perche gli avevo lasciato i miei dati nome cognome e numero).....ecco questa è l'italia che abbiamo.....secondo me vi conviene andare spesso a pescare sul posto in diversi amici e se continuano,potresti con un gruppo di amici fare domanda per Guardie ittiche volontarie,cosi sareste voi le guardie e sapresti sicuramente cosa fare da pescasportivo.....piano piano ci faranno smettere di pescare.


Giuseppe Ruggeri il 14/06/12
Ciao Roberto, Sono giuseppe ruggeri, il ragazzo che tempo fa rivendico' con l'articolo "un tevere di gasolio" le problematiche di quel tratto di fiume  che spero abbiano preso provvedimenti seri. Ti scrivo perche sono rimasto atterrito per quello che ho visto. Nella zona prima porta di roma, dove abito, ce' un canale che divide due campi coltivati e i contadini usufruiscono dell'acqua per irrigare ettari di terreno coltivato. Con mio figlio di 4 anni, a volte andiamo in questo canale che fino a ieri sembrava incontaminato, per fargli sentire quell'emozione e passione nel ferrare un piccolo pesce, come scardole, barbi e cavedani e con tanta sorpresa e' frequentato anche da carpe. Detto cio' prima delle 21, mi accingo a chiudere l'attrezzatura e pulire per poco di immondizia trovata lungo il canale e mi accorgo di due loschi individui risalire il canale controcorrente con una busta tra le mani. Per farla breve roberto, erano due rumeni che cacciavano pesci di piccola taglia con le mani... Mi son chiesto, la crisi cia' portato a questo? Non solo nei laghi o al tevere ma anche dentro un canale che ce' quella minutaglia di pesci e qualche carpa da 5 kg al massimo? Sono rimasto atterrito, sono rimasto sconvolto e senza parole. Abbiamo i cannibbali ho pensato,gente che esce da percorsi d'acqua ma no con gli stivali e tutto l'occorrente ma vestiti con dei jeans e scarpe! E' stato un bruttissimo esempio e didattica per un bimbo che sta cominciando a conoscere e a vivere l'arte del pescatore, quella senzazione nel catturare un pesce e liberarlo con un semplice e ingenuo saluto.. ciao e cresci ci rivediamo..... La crisi porta a depredare tutto?? E' possibile che bisogna ricordare alle istituzioni del disagio giornaliero di questi individui sulle nostre acque?? Ma nn e' meglio che le istituzioni stesse ,emanino un mandato di gruppi di volontari di pescatori di zona che pattuglino tutto questo, questo per me e'un abuso per noi pescatori e carpisti che paghiamo le licenze,i permessi e tt quello che s'inventa lo stato per praticare la nostra disciplina, dimenticandosi di farla rispettare anche a loro e specialmente a loro, gli stranieri! Verro' il 24 a manifestare al turano per quello che sta succedendo, e spero che inizi una campagna di sensibilizzazione non solo per i grandi laghi ma anche per il tevere e per questi canali che sembrano poco, ma sono una miniera di ricchezza per le molte specie di pesci che poi andranno a riversarsi nei fiumi grazie al loro istinto. Un abbraccio a tt voi Giuseppe ruggeri Blackbullbaits, TRN


Guido il 14/06/12
Questi sono coloro che si prodigano pescatori alzandosi la mattina la domenica e non sanno nemmeno come si lega un amo......e a quanto si vede non sembra un extracomunitario ma bensi uno del posto,e allora io mi chiedo MA CHE CAXXO LA PAGHIAMO A FARE LA LICENZA SE TANTO CHIUNQUE PUO FARE CIO CHE VUOLE?.........BRAVI Dani e Ele siete fortissimi


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)