News

Una storia dal Tevere Farfa e paraggi

Di Redazione pubblicato il 29/07/14

Ciao Roberto,in allegato le mail che ho inviato sia al CFS che al WWF denunziando quanto accade a 50 metri esatti dalla riserva di Tevere Farfa,siamo a Poggio Mirteto scalo,dove 2 domeniche or sono mi sono recato al mattino con un'amico per pescare a feeder; come al solito le notturne con falo' e 4 canne a testa con tenda etc etc ma la spazzatura e' davvero tanta,troppa!per mettere il panchetto ho dovuto levare due buste di robaccia! Non dico che sporcano solo gli stranieri,c'erano anche le buste di pastura dei garisti...  Ho chiamato dal posto il 1515 ma non e' venuto nessuno...neanche alle mie mail ha risposto nessuno,è rimasto solo il ponte a dividere la riserva dalla discarica,tanto a pulire ci penserà la piena di Gennaio,cosi' le bottiglie me le ritrovo a Fiumicino quando vado al mare francescobenedetti@hotmail.it


To: wwf@wwf.it
Subject: FW: Situazione ambientale a Poggio Mirteto Scalo
Date: Sat, 26 Jul 2014 13:51:37 +0200

Salve,di seguito la mail che ho inviato al CFS(mio nonno ha servito per molto anni il corpo,nutrendo profondo rispetto per la natuta ed il territorio) dopo che li avevo inutilmente contattati telefonicamente dalla sponda del fiume dove si svolgevano bivacchi con falo' di bracconieri stranieri (a sporcare non sono solo gli stranieri,non sono razzista)intenti a cestinare pesci sottomisura ed in quantita' maggiore del consentito e con piu' attrezzi del dovuto ion orari proibiti a 50 metri dall'inizio di un parco naturale dove vi è una delle zone umide piu' importanti della regione,e dove i bambini vanno a fare la gita sul battello ed a vedere gli uccellini dai casotti del birdwatching ed i girini etc etc Siamo a Poggio Mirteto scalo,sponda orografica dx,dove il ponte sulla SP15A divide il parco dalla discarica improvvisata. Strano pensare che il ponte,che di solito unisce qualcosa,in questo caso(per fortuna) divida.... Quella mattina poi nonostante la telefonata non e' potuto intervenire nessuno ,sono rimasti i cumuli di rifiuti sulla sponda che il fiume pulira' con la piena invernale,poi mi ritrovero' le bottiglie vicino casa,visto che abito a Fiumicino.
Non sempre il pescatore e' un problema per l'ambiente,anzi, personalmente rilascio ovviamnete tutto e mi ritengo una sentinella ecologica; ho studiato l'inquinamento atmosferico da metalli pesanti e sono un tecnico del fitomonitoraggio.
Rispetto l'ambiente e pago licenza 21 Euro,tessera FIPSAS 20 Euro, tessera provincialie Frosinone....5.16 etc etc Sono alquanto seccato anche dal fatto che non vi sia il benchè minimo controllo,e l'accesso alle sponde,visto che i contadini non amano ritrovarsi bivacchi e cumuli di rifiuti fumanti nel loro terreno,e' cosa sempre piu' difficile,se cominciamo a rovinare anche quei pochi punti dove si puo ' pescare comodamente con la macchina relativamente vicina sara' dura continuare a vivere il fiume,un fiume che rispetto a quando ero bimbo (sono del 76)  e' molto migliorato,il problema rimane semmai l'aniene,vera spina nel fianco del Biondo fiume romano...
sperando di trovare almeno la vostra conprensione,porgo distinti saluti

Buonasera,questo è lo spettacolo che ci si trova dinanzi recandosi lungo il Tevere sponda DX a Poggio Mirteto scalo,siamo a meno di 100 metri dall'inizio della riserva di Tevere Farfa,io mi sono recato a pesca Domenica mattina alle 7 ed ho trovato già parecchie persone con tende e fuochi ancora accesi tra cumulidi rifiuti e moltissime canne in acqua( a dire il vero tutti stranieri,alcuni intenti a cestinare pesci ben al di sotto della misura minima) ed ho chiamato il 1515 ma purtroppo a causa di numerosi interventi,mi dissero anche per incendi ,non credo sia potuto venire nessuno.
Sicuramente ci sono tanti problemi nel territorio ,ma per chi paga licenza ,tessera FIPSAS e vari tesserini provinciali e si sobbarca parecchi Kilometri per andare a pesca sul Fiume, visto che i contadini tendono a chiudere gli accessi prorpio per evitare il verificarsi di queste situazioni anche nei loro terreni e per Km non si riesce ad accedere,credo siano necessarie se possibile delle risposte: a quale altro ente è possibile chidere aiuto in queste situazioni?
Sicuramente la piena del Fiume a Gennaio "cancellerà" questo scempio , magari le bottiglie lattine buste copertoni etc etc ce li ritroveremo sulla spiaggia alla prima mareggiata...


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)