News

Trofeo C.F.I. semifinali nel lago di Gerosa

Di Alessio Rocchi pubblicato il 24/11/12

Quest’anno e toccato al meraviglioso lago di gerosa  (ap) ospitare le semifinali del trofeo C.F.I. un lago in parte di categoria A e il restante di categoria B ma questo evento non e solo finalizzato allo svolgimento di questa manifestazione ma e un biglietto da visita con cui vogliamo dimostrare al comune che gestisce il lago che la nostra disciplina a un etica molto particolare ed ha  cuore la salvaguardia della fauna e della flora che abita e circonda questo lago senza comprometterne il naturale svolgimento ed evoluzione . Io e il mio socio luca aspettavamo questo evento con un entusiasmo fuori dal comune tutto e iniziato con le iscrizione delle coppie che avrebbero dovuto partecipare al trofeo, della nostra sede eravamo due coppie io e luca, simone e federico tutto era stato pianificato alla perfezione fin dalla settimana prima infatti l’appuntamento era per le ore 8 del venerdi a comunanza che come ho già anticipato prima questo enduro si e tenuto nel fantastico lago di gerosa che proprio per questa occasione a cambiato un po’ delle sue regole permettendoci di pescare con 2 canne e la notturna e tutto questo grazie proprio all’impegno delle sedi locali di C.F.I. che grazie al loro impegno stanno permettendo di aprire questo stupendo lago al carpfishing e speriamo che questa manifestazione riesca e dargli una piccola mano in più.

Ma ora iniziamo dal principio io e il mio socio luca entusiasti di questa partecipazione il lunedi che precedeva l’evento ci siamo dati da fare x la preparazione delle nostre boiles cosi da averle pronte pronte per il venerdi , giorno cui avrebbe avuto inizio il trofeo,, la notte che precedeva la partenza  l’adrenalina era a mille di quelle che non ti fanno dormire la notte, la sveglia suono alle tre e mezza del mattino neanche inizio a suonare che io già stavo in piedi per prepararmi il mio socio tardo….colpa del sonno… arrivò verso le quattro e mezza finimmo di caricare la macchina e via verso la nostra meta dopo un’oretta di macchina ci fermammo al bar dove avevamo appuntamento con i nostri amici nonché altra coppia in gara un buon caffè a via di corsa verso gerosa la strada era ancora tanta e l’ansia sempre di più, dopo un litigio con il navigatore finalmente siamo  arrivati alla nostra destinazione dove c’era il ritrovo, facemmo colazione e poco dopo arrivati tutti sono iniziate le estrazioni per le poste, in gara erano sedici coppie tutto si svolse con regolare velocita e verso le nove e mezza stavamo in postazione la n°14 x la precisione mentre i nostri amici gli capito la n°3…. davanti a noi lo scenario era davvero suggestivo questo stupendo lago con acqua cristallina incastonato tra i monti sibilini la posta ci sembro subito molto interessante infatti davanti a noi a circa 150m c’era una rientranza con delle belle legnaie che attiro subito la nostra attenzione dopo un attenta scagliandata dei fondali trovammo subito delle belle zone dove calare fiduciosi i nostri terminali e cosi non esitammo un secondo messe in posizioni le nostre canne continuammo a montare il nostro campo, i salti e le rollate delle carpe non mancavano affatto sui nostri terminali e infatti le nostre speranze salivano sempre di più la sera arrivo e con lei l’arietta fresca che ci fece riposizionare le nostre canne in preda al freddo  e subito dopo una bella cenetta  non disdegnammo assolutamente  i nostri caldi sacchi a pelo, eravamo davvero stanchi e provati a causa del viaggio e di tutto il montaggio del nostro campo che non tardammo un attimo a chiudere gli occhi e cadere in un bel sonno riposante la notte trascorse tranquilla all’insegna del sonno e la mattina successiva ci svegliarono proprio i giudici che facevano il giro per visionare se qualcuno avesse effettuato qualche cattura ma noi come tutti gli altri non avevamo effettuato nulla, dopo un buona colazione era giunto il momento di riposizionare i nostri terminali un po’ di pasturazione e di nuovo in attesa in lontananza sentimmo qualche partenza capimmo che in fondo al lago la situazione si stava sbloccando e qualche carpa decise di visitare qualche terminale, da noi invece la calma e il silenzio regnava sovrana in un baleno la luce del giorno arrivo al termine e con lei anche le nostre speranze di cattura cosi io decisi di cambiare strategia e con me anche il mio socio dopo una consultazione tattica prendemmo la decisione di sfruttare il sotto riva almeno per due delle nostre 4 canne infatti luca calo una canna a circa venti metri alla destra del suo pod dove c’era una piccola ansa con vicino un albero sommerso a un paio di metri dall’albero e a circa mezzo metro dalla riva pasturo con solo boiles spezzettate  e l’altra la posiziono all’altra sponda in prossimità di un piccolo fosso che si immetteva nel lago, io invece posizionai una canna e venti metri dalla mia sponda e la seconda a circa 4-5 metri  e ripiegammo in loro le nostre poche e ultime speranze, scese il freddo  con lui qualche goccia di pioggia cenammo e dopo un bel bicchiere di nocino ci ritirammo in tenda per una partita a carte nell’attesa che qualche pesce si decise a mettere la bocca sui nostri terminali….passo solo qualche mano di carte quando dalle nostre radio i nostri amici alla posta n°3 felicissimi ci avvisano che avevano appena effettuato una cattura era davvero una bella notizia ma altrettanto brutto era pensare che da noi ancora non si era fatto vedere nulla e cosi le nostre speranze scesero notevolmente  e ormai un pò demoralizzati ci mettemmo a dormire  il sonno non tardò ad arrivare il caldo del sacco a pelo e davvero gradevole  ma dopo qualche ora venne interrotto  da una partenza fulminea  (finalmente la nostra prima partenza ) velocemente luca usci dalla tenda ferro e il pesce c’era era una piccola regina caduta sulla nostra strategia del sotto riva la nostra felicita era alle stelle la mettemmo subito nel carp sac nell’ attesa dell’indomani quando i giudici potessero venire a pesarla nel frattempo la pioggia che scendeva prima si era trasformata con l’abbassarsi della temperatura in nevischio fu tutto cosi suggestivo il buio regnava incontrastato non si vedeva nulla e solo davanti alle nostre torce si poteva vedere chiaramente il nevischio che dolcemente si adagiava sulle nostre maglie, rientrammo in tenda dopo aver riposizionato la canna di luca e continuammo a dormire dopo questa gradevole interruzione gli animi si erano risollevati la notte passo velocemente la mattina ci facemmo trovare pronti dai giudici per convalidare la nostra cattura la nostra piccola ma grande reginotta dal peso 3,7kg ma purtroppo non furono sufficienti per farci qualificare x la finali, andò meglio hai nostri amici che con la loro carpa da 5,4kg si qualificarono per il rotto della cuffia ma soprattutto vinsero il premio per la big carp purtroppo questo enduro si rivelò davvero povero di catture infatti delle sedici coppie in gara solo otto riuscirono ad effettuare qualche cattura con taglie davvero ridotte….noi con la nostra cattura arrivammo 7° mentre i nostri amici riuscirono ad arrivare 5° e quindi a qualificarsi ed a loro vanno i nostri più sinceri complimenti  davvero meritati alla fine dei conti entrambe le coppie della nostra sede sono riusciti a catturare e questa x noi fu la soddisfazione più grande, prima della premiazione sono saliti a trovarci e vedere la premiazione il responsabile della nostra sede e il nostro presidente antonio e guido ci fece davvero piacere …. dopo la premiazione che e stata davvero bella con un bel discorso di Pietro cicchetti ci fu una delle parti più belle di questo evento il pranzoo davvero eccezionale e non potevano mancare essendo ad ascoli piceno le olive ascolane davvero superbe fu un momento bellissimo tutti insieme riuniti all’insegna del buon magiare qualche cavolata ma soprattutto il carpfishing e tante persone con le nostre stesse ambizioni e le nostra stessa etica ….concludo ringraziando C.F.I. e tutti i ragazzi che con tanti sacrifici ci hanno permesso di farci vivere questa stupenda esperienza e non potevano ora mancare i nostri complimenti più sinceri hai nostri amici simone e federico  che con la cattura di simone sono riusciti a qualificarsi e a portarsi a casa il premio per la big carp adesso  ragazzi non ci deludete alla finale….per quanto riguarda noi la sfida di gerosa non finisce qui presto ci torneremo per cercare magari qualche big di questo stupendo lago…..

Alessio Rocchi

Team carpfishing bufalotta

C.F.I. sede n°233 roma2

 


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)