News

Trasimeno; usano la corrente elettrica?

Di Redazione pubblicato il 01/03/18

Il lago Trasimeno, pappare come è un porto di mare senza controlli. Alcuni giorni fa, la polizia stradale l ha sorpreso un furgone carico di pesce pescato di frodo nel lago e trasportato in condizioni igieniche ignobili.

Precedentemente ad essere fermati erano i cinesi , stavolta i rumeni comunque entrambi accomunati da un fattore: sono stati scoperti per caso e non rincorrendo una stretegia o una indagine.

Ora salta fuori  che questa gentaglianon si fa scrupoli a utilizzare pure la corrente elettrica come testimoniano in modo chiaro le relazioni dei tecnici sui malcapitati pesci.

Quanto possa essere esteso il fenomeno della pesca di frodo non è ancpra chiaro. Le segnalazioni ci sono ma sono tutti episodi: senza più un servizio di sorveglianza il lago è diventato terra di tutti e di nessuno..

La più importante coop della zona chiede dunque controlli «altrimenti si potrebbero vedere scene come quelle che accadono sul Po, dove pescano anche in aree inquinate, tanto a loro non importa nulla».

Secondo Salcuni esperti del luogo i pescatori di frodo vengono nell’area del Trasimeno anche «perché qui è proliferato il carassio, ce n’è una quantità enorme e usano pure la corrente elettrica o il tramaglio.

Ultimamente rilevo che vengono sempre più da fuori zona, forse perché da altre parti si fanno più controlli o perché da noi il fenomeno è esploso».

A fare il possibile è anche il Servizio veterinario della Usl Umbria 1 – il cui responsabile per l’area del Trasimeno è Giovanni Lo Vaglio – che però può contare solo su due veterinari e un tecnico.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)