Cranked hook rig

di Sergio Ceccarelli pubblicato il 06/04/15

the final solution 

Cranked Hook rig 

Tutto e per tutti ha inizio così. Ci si avvicina al magico mondo del carpfishing attirati dalle belle prede, dalla strana attrezzatura da pesca e da campeggio, e si finisce inesorabilmente intrappolati e piacevolmente dipendenti da questo stile di vita. Si inizia con il raccogliere quante più informazioni possibili su tutto, nulla escluso: tende, canne da pesca, mulinelli, segnalatori acustici, rod pod, lettini, fornelli, boilies, barche, ecoscandagli, e..... una valanga di minuteria. È proprio di quest’ultima che voglio parlavi in questo articolo e in particolare di quella utilizzata per realizzare l’anello più importante di tutta la catena, il terminale. Se non preso con le pinze questo argomento può essere causa di nevrosi, disturbi psichici, depressioni e in alcuni casi può portare a furibonde discussioni con amici, parenti o perfetti sconosciuti, fino a procurare irreversibili danni cerebrali. Scherzo ovviamente, ma se ci riflettete non sono poi così lontano dalla realtà. Per non parlare poi del profilo economico, chi di noi non ha investito ingenti capitali nell’acquisto della più disparata minuteria per la realizzazione dei nostri rig? Migliaia di lire fino al 2000 e centinaia di euro fino ad oggi, o no? Mega cassette porta minuteria per contenere interi espositori della stessa, interi borsoni destinati solo al trasporto di minuteria e porta terminali delle dimensioni e misure più svariate così da poter affrontare, complici della nostra mente malata, qualsivoglia tipologia di situazione in pesca si potesse presentare. Centinaia di ore dedicate alla realizzazione dei nostri terminali ed altrettante dedicate alla scelta, in pesca, di uno o l’altro rig a nostro parere più adatto o specifico per ogni occasione. Quanti soldi e tempo sprecato! Si, sprecato, perché nell’80% delle volte abbiamo perso tempo per cercare di creare l’infallibile e micidiale rig dei nostri sogni, quello che non sbaglia mai, quello che ferra sempre nel modo migliore, quello dedicato ad ogni singola tipologia di innesco. È sempre stato questo il chiodo fisso di tutti noi per poi constatare anche a distanza di venti anni, che onnipresenti, le vecchie ma sempreverdi soluzioni si ripropongono costantemente perché sono sempre le più semplici quelle più efficaci e intramontabili. Anche questo dovrebbe far riflettere tutti perchè in termini di materiali e mode, di anno in anno i cambiamenti sono tanti ma le basi restano sempre le stesse e il fattor comune di queste sarà per sempre la semplicità. Tutto questo bel discorsetto per introdurre una soluzione che a mio avviso potrebbe essere una delle definitive, ciò che molti di noi hanno cercato e sognato per anni. Non a caso è stata Carp’r’us a far si che i nostri sogni si trasformassero in realtà, coniugando in perfetta simbiosi passato e presente, mettendo a disposizione di tutti il Cranked hook rig, da qui il l’intestazione dell’articolo, che non è il titolo di un nuovo gioco per la ps4 ma sarà la soluzione che farà dormire a moltissimi noi sonni tranquilli. Cominciamo con il dire che la pochissima minuteria utile alla realizzazione del sogno può essere acquistata sia separatamente e sia in un unico e definitivo kit. Andiamo a vedere passo passo cosa ci occorre per la costruzione del cranked hook rig e in che modo si realizza. Ci tengo veramente tantissimo a dire che non stiamo parlando di una trovata pubblicitaria, Carp’r’us non ha bisogno di rifilare nulla a nessuno ma sono i fatti a dimostrare che chiunque abbia avuto a che fare con i prodotti di qualità di questa azienda non sia più tornato indietro, quindi sarà sfatato anche il proverbio che recita: “chi lascia la via vecchi per la nuova, sa ciò che perde ma non sa ciò che trova.!”….e invece lo sa, lo sa eccome, troverà Carp’r’us.! A riprova di quanto detto anche in occasione dell’ultimo Carpitaly centinaia di appassionati hanno affollato il nostro stand alla ricerca di questi prodotti e molti di loro hanno avuto la possibilità di vedere e toccare in anteprima ciò che tratteremo in questo articolo. La prima reazione è stata simile per tutti, stupore, incredulità e sgomento, per poi appagarsi con la forzata metabolizzazione della disarmante e semplice realtà. Curiosi? Seguitemi, non ve ne pentirete! Immaginate adesso di portare con voi tutto ciò di cui abbiate bisogno per la realizzazione del rig contenuto all’interno di un box grande come un pacchetto di sigarette, immaginate che questo rig sia infallibile e ci garantisca oltre il 90% di allamate, immaginate che sia universalmente utilizzabile con ogni diametro di boilie sia affondante che pop up. No, non state sognando ad occhi aperti, avete solo pensato ad un Carp’r’us cranked hook rig starter set. Da adesso in poi esiste davvero e come abbiamo già fatto in molti per apprezzare a pieno l’incredibile funzionalità di questo rig non avrete altra scelta se non provarlo. Lo so, ne avete, anzi ne abbiamo buttati già moltissimi di soldi, ma vi garantisco che l’acquisto e l’utilizzo di questo materiale sarà semplicemente il miglior investimento che abbiate mai fatto, meglio dei buoni fruttiferi alle Poste “dei bei tempi..!!”. Il set, a parte il filato (vi consiglio vivamente di utilizzare il Carp’r’us Strip-X 25lb) è completo di tutto, compreso un’accattivante e comodissimo box in materiale semitrasparente, lo Snagger Box, appositamente realizzato per contenere tutti i componenti del kit, così da essere l’indiscusso protagonista nella nostra borsa da pesca o nelle nostre tasche. Andiamo a scoprire con il supporto delle immagini fotografiche tutti i componenti contenuti all’interno del Carp’r’us cranked hook rig starter set.

Nr.1 snagger box

Nr.1 confezione di Carp’r’us cranked hook ATS size 6

Nr.1 confezione di Carp’r’us mouthsnagger shorty green contenente 8pz

Nr.1 confezione di Carp’r’us bead & ring

Nr.1 confezione di Carp’r’us 360° ring swivel size 11 contenente 8pz

Nr.1 confezione di Carp’r’us gizmo quick change swivel size 8 contenente 8pz

Nr.1 confezione di Carp’r’us anti tangle sleeves contenente 15pz

Nr.1 confezione di Carp’r’us clearwater ready hairs medium contenente 3pz

Nr.1 adesivo tondo Carp’r’us

Nr.1 dettagliatissimo opuscolo esplicativo per la realizzazione del Cranked Hook Rig

Operazione più facile a farsi che a dirsi quella di realizzare questo rig, per cui sempre avvalendoci di dettagliate sequenze fotografiche andiamo a vedere step to step la procedura ottimale per assemblarlo. Diciamo subito che potremo realizzare questo rig in due varianti molto simili tra loro ma dalla stessa micidiale efficacia, la scelta tra la variante 1 o 2 (le chiameremo così per comodità) sarà esclusivamente dettata dalla nostra simpatia per l’una o per l’altra, semplice no? Oltre a quello contenuto nel set avremo bisogno di:

Filato che utilizzeremo per realizzare il nostro rig, io consiglio il Carp’r’us Strip-X da 25lb, il Carp’r’us Smooth nelle versioni 25lb e 45lb o il fluorocarbon puro Carp’R’us Clearwater da 25lb.

Piombini quick change di peso adeguato per controbilanciare la galleggiabilità di inneschi di tipo pop up

Nr.1 ago da innesco

Nr.1 ago da leadcore o comunque a filo sottile

Nr.2 tiranodi

Nr.1 paio di forbici

A questo punto abbiamo tutto ciò che ci occorre per realizzare il nostro micidiale rig, non vi resterà altro da fare che seguire passo passo le istruzioni di seguito descritte e dettagliatamente illustrate a mezzo di immagini fotografiche realizzate con ottica macro, al fine di rendere tutte le operazioni perfettamente visibili. (Le foto realizzate con ottiche macro riproducono in maniera ingrandita e dettagliatissima oggetti di per se molto piccoli come ad esempio la minuteria da noi utilizzata per realizzare questo rig, per cui non impressionatevi se nelle immagini vedrete oggetti di minuteria estremamente ingranditi perché sono semplicemente quelli che normalmente siete abituati a maneggiare e vedere a dimensioni reali.)

 Cranked Hook Rig (variante 1)

1 Preleviamo dalla confezione un amo Carp’r’us cranked di misura 6

2 Preleviamo dalla confezione un bead in gomma di musura grande e uno di misura piccolo 

3 Preleviamo dalla confezione un clearwater ready hairs medium

4 Prendiamo il cranked e penetrandolo, facciamo scorrere sul suo gambo il

bead in gomma grande fino a posizionarlo sulla strana piegatura dell’amo stesso

5 Facciamo scorrere sul gambo dell’amo l’anellino in acciaio dell’hair rig in 

   fluorocarbon

6 Come al punto 4 penetriamo e facciamo scorrere sul gambo dell’amo il bead in gomma piccolo, fino a posizionarlo frontalmente, in corrispondenza  dell’ardiglione dell’amo

7 Prendiamo uno spezzone di circa 35-40 cm di Carp’r’us Strip-X da 25lb (indifferentemente possiamo utilizzare anche il Carp’r’us Smooth da 25lb e 45lb o il fluorocarbon Carp’r’us Clearwater da 25lb) e realizziamo un nodo senza nodo snelling (a filo interno)

8 Preleviamo dalla confezione un Carp’r’us mouthsnagger shorty green e  trasferiamolo sullo Strip-X facendolo scorrere fino a coprire completamente l’occhiello dell’amo e il nodo senza nodo

9 Preleviamo dalla confezione un Carp’r’us anti tangle sleeve e trasferiamolo sullo Strip-X

10 Facendo passare all’interno di un loop un Carp’r’us 360° ring swivel size 11, realizziamo un semplice nodo ad otto ripassato e tagliamo l’eccedenza

11 Con l’anti tangle sleeve copriremo l’intera girella fino all’altezza del barilotto

12 Utilizzeremo il Carp’r’us gizmo quick change swivel size 8 per collegare in 

     maniera semplice, rapida e pulita, il nostro terminale al trave principale

13 Se vorremo utilizzare questo terminale con inneschi di tipo pop up non dovremo far altro che inserire sullo Strip-X un piombino quick change di dimensione adeguata per controbilanciare la gallegiabilità dell’innesco e, alla distanza necessaria  a cui vogliamo che tale innesco rimanga staccato dal fondale

Cranked Hook Rig (variante 2)

1 Preleviamo dalla confezione un amo Carp’r’us cranked di misura 6

2 Preleviamo dalla confezione un bead in gomma di musura grande, uno di misura piccolo e un anellino in acciaio ovale 

3 Prendiamo il cranked e penetrandolo, facciamo scorrere sul suo gambo il bead in gomma grande fino a posizionarlo sulla strana piegatura dell’amo stesso

4 Prendiamo uno spezzone di circa 35-40 cm di Carp’r’us Strip-X da 25lb(indifferentemente possiamo utilizzare anche il Carp’r’us Smooth da 25lb o 45lb) e realizziamo un semplice loop.

5 Facciamo scorrere l’anellino in acciaio ovale sul filato e blocchiamolo con un  semplice nodo all’altezza desiderata, tenendo sempre in considerazione il fatto che  il nostro hair rig dovrà avere una corretta lunghezza in base alla grandezza dell’innesco

6 A questo punto faremo scorrere l’anellino in acciaio sul gambo dell’amo fino a posizionare lo stesso, sul punto in corrispondenza della metà tra l’ardiglione e la punta dell’amo

7 Realizziamo un nodo senza nodo snelling (a filo interno)

8 Trasferiamo il Carp’r’us smoothsnagger shorty green per mezzo di un sottile ago da lead core sul filato, facendolo scorrere fino a coprire integralmente l’occhilello dell’amo e il nodo senza nodo

9 Sempre per mezzo di un sottile ago da lead core, trasferiamo sul filato un Carp’r’us anti tangle sleeve

10 realizzaimo un semplice loop con un nodo ad otto ripassato

11 In questo caso utilizzeremo esclusivamente il Carp’r’us gizmo quick change swivel size 8 per collegare in maniera semplice, rapida e pulita, il nostro terminale al trave principale

12 L’anti tangle sleeve andrà a coprire il loop e parte della gizmo quick change swivel size 8

13 Come nella variante 1, se vorremo utilizzare questo terminale con inneschi di tipo  pop up non dovremo far altro che inserire sullo Strip-X un piombino quick change di dimensione adeguata per controbilanciare la gallegiabilità dell’innesco e, alla distanza necessaria  a cui vogliamo che tale innesco rimanga staccato dal fondale.

Siamo giunti alla conclusione di questo tutorial, e in fine ma non in ordine di importanza, vorrei sempre rammentare a tutti di fare la massima attenzione a rispettare le giuste proporzioni in termini di lunghezza dell’hair rig. Vorrei ribadire per l’ennesima volta che non è necessario utilizzare un amo di grandissima dimensione per innescare una o due boilie di grande diametro, ma basterà semplicemente realizzare un hair rig della giusta lunghezza. Non abbiate paura a staccare il vostro innesco di uno o anche due o tre centimetri dalla curvatura dell’amo, perché le nostre amiche non avranno alcun problema ad aspirare il tutto, ma potrete stare pur certi che in questo modo il nostro rig lavorerà sempre nel migliore dei modi, facendo egregiamente il proprio lavoro, garantendoci allamente precise e tenaci. Nel set protagonista del nostro tutorial non a caso è stato scelto dalla Carp’r’us di inserire esclusivamente un amo del numero 6, in quanto risulta essere una misura ideale per una variegata tipologia di inneschi, dai più piccoli ai più generosi e verosimilmente possiamo affermate che questo amo si può tranquillamente utilizzare con inneschi realizzati a partire da una singola boilie da 16mm fino ad arrivare a due boilies da 24mm senza che la dimensione degli inneschi stessi infici negativamente in alcun modo sulla ottimale resa di questo micidiale rig. Come mi è stato insegnato da uno tra i più grandi carp angler europei, “il problema che da sempre affligge tutti i carpisti è  il rapporto tra dimensione dell’amo e dimensione dell’esca, ma in realtà ciò che più conta è la giusta lunghezza del capello.!”. Siamo giunti alla conclusione, non voglio avere la presunzione di dire che siamo di fronte alla soluzione unica e definitiva che risolverà tutti i problemi legati a questo magico argomente, ma semplicemente vi invito a provare questa soluzione per testarne voi stessi l’efficacia e poi, magari, se vorrete scrivetemi e fatemi sapere come è andata. Mi raccomando però, non tutti insieme e con troppi commenti positivi altrimenti mi intasereste la casella mail..!! Ci scherzo su perché già so che moltissimi di voi non torneranno più indietro e si lascieranno alle spalle l’incubo delle slamate.! Provate, provate e provate non crederete ai vostri occhi! Prima di salutarvi vorrei precisare che ogni singolo componente del Carp’r’us cranked hook rig starter set potrà essere sempre acquistabile separatamente in comodi blister, compreso il Carp’r’us Snagger box.

Vi saluto augurandovi un “in bocca alla big a tutti” e vi invito a visionare anche il dettagliatissimo tutorial video sul Carp’r’us crancked hook rig starter set che troverete presto su www.carponline.it, su http://imperialfishing.blogspot.it/ , su https://it-it.facebook.com/pages/Imperial-Baits-Team-Italy/820766281274182 , sul mio canale youtube digitando Sergio Ceccarelli nella barra di ricerca, così come per qualsiasi chiarimento o domanda potrete contattarmi direttamente alla mia mail carpeggio@yahoo.it . Mi raccomando resto in fervida attesa dei vostri resoconti sull’utilizzo di questo rig, impressioni, pro e contro dettagliati, risultati veritieri e possibilmente documentati, tutto il materiale insomma che vorrete fornire per cercare di creare una sorta di archivio dedicato esclusivamente al Cranked hook rig. I membri dei team Carp’r’us e Imperial Fishing di tutta Europa  lo stanno testando già da molto tempo con risultati a dir poco straordinari, ma diamoci da fare, c’è bisogno dell’impegno di tutti per fare un ottimo lavoro, e poi, risolto il più grande dei problemi non dovremo far altro che sederci rilassati e sereni a gustarci il tramonto.!

 

          Sergio Ceccarelli

 Imperial Fishing & Carp’r’us

             Team Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 






Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)