Sequestro a Corbara

di Redazione pubblicato il 12/04/17

Grazie alle ripetute richieste delle associazioni dei pescatori ricreativi e della cittadinanza , le Forze dell'Ordine sono riuscite a sequestrare ben 2 chilometri di reti alte circa 4 metri utilizzate dai bracconieri nel lago di Corbara.

L'operazione è culminata con il rilascio di circa 5 quintali di pesce vario tra cui carpe e lucioperca. Molto pesce era prossimo alla riproduzione a segnalare ancora una volta l'estrema gravità dell'azione dei criminali rumeni che non si limita a prelevare illegalmente ma, agendo con continuità , mette a rischio totale tutti gli stock ittici presenti.
Questa buona notizia si affianca a quella, assai meno positiva, della incessante azione di bracconaggio nell'area di Alviano proprio a sud di Bolsena, dove sono stati avvistati più volte i bracconieri
Ancora una volta si evidenzia l'importanza di un intervento diretto atto a stroncarer ogni possibile nuova azione distruttiva; per qursta ragione si auspica un forte inaprimento delle pene e radicali modifiche alla legge, paraltro licenziata da meno di un anno ma dimostratasi, assai poco efficace.





Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)