News

Sempre bracconaggio

Di Redazione pubblicato il 12/12/16

Camion bloccato e sequestro di pesce  frutto certamente da attività di bracconaggio.

Ovviamente non vi era alcuna tracciabilità visto che non risultano presenti  documenti di accompagnamento che dimostrassero la legalità di questo trasporto.

Questo è il bottino per una pattuglia della Polizia stradale a bordo di un'auto fermata inei pressi di Monselice per un controllo.

Pare che il pesce fosse diretto in Basso Polesine ovvero in uno dei tanti mercati dove vendere il "nosro" pesce è norma

Ma si va anche oltre poiché vi son evidenze di cronotachigrafi alterati.  Si tratta degli strumenti con i quali viene monitorata la regolarità del viaggio dei camionisti, in particolare sul fronte dell'osservazione della legge che prescrive una soglia massima di ore guidate.

D'altra parte da questo tipo di attività illecite non ci si può aspettare l'aderenza a regole che sono in realtà un "muro" per cercare di diminuire gli incidenti stradali provocatoda camionisti eccessivamente stanchi. Cosa volete che importi a questi luridi individui della sicurezzastradale e delle regole visto che nesusno riesce a fargliele rispettare?

In un caso il personale ha trovato il cronotachigrafo "semplicemente" alterato, mentre nel secondo ha trovato addirittura un apparecchio "gemello", ossia clonato.

A destare i sospetti, il fatto che dall'apparecchio risultassero centinaia di chilometri percorsi in un tempo brevissimo.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)