Tecnica

Secchiate d'oro

Di Steve Briggs, con la supervisione di Matteo Marmocchi pubblicato il 15/09/15

Uno dei viaggi annuali che desideravo di più era il ritorno al Rainbow Lake, esattamente in uno dei miei spot preferiti da sempre, la postazione 18, bramata da tutti. Adoro pescare ovunque in questo lago, ma lo spot 18 mi ha sempre dato qualcosa in più, anche per lo stile di pesca che uso, un estremo “colpisci e cattura” davvero eccitante, uno spasso davvero senza pari!

E' stato come un déjà-vu ritrovarmi nel posto di sempre, a parte il livello dell'acqua che risultava moto alto, qualcosa era cambiato. L'area principale, (la più produttiva), in realtà non era cambiata un granchè, c'era sempre un grande isolotto di fronte a me, a circa 100 metri, insieme a qualche albero caduto lungo i margini, a causa di una violenta tempesta che ebbe luogo nel 2009. Non c'era da sorprendersi se quegli alberi caduti formavano una grande area di raggruppamento per le carpe. E' una delle aree più profonde del lago, arriva fino a 35 piedi e la maggior parte delle carpe preferisce cibarsi negli spot più superficiali e, non a caso, si trattava di zone vicine agli alberi in questione.

Dire che il Rainbow è un lago facile in cui pescare, è davvero un grande errore. E' però sicuramente il lago più richiesto in cui ho pescato per quanto riguarda strumenti e tattiche. Qualcuno pensa di pescare come nessun'altro ha mai fatto, ma poi ne rimangono delusi. Pescare qua non è facile come sembra, ma se lo si sa far bene, catturare un pesce non risulterà un'impresa impossibile – e che bei pesci ci sono dentro al Rainbow!

Nella pesca tutto deve essere tenuto sottochiave – non sto scherzando. La lenza principale che uso, solitamente è una treccia Nash Bullet Braid da 25 libbre, insieme ad un leader Cling-On da 40, oppure un semplice leader di nylon da 40. Il leader Cling-On da 40 viene anche usato per alcuni dei miei terminali, dato che è molto resistente ed affonda come un sasso. Un piombo Tractor da 8 oz mette il rig al suo posto insieme alla parte finale del rig – che forse è solitamente dominata da un amo Fang Twister di misura 2; è l'unico amo che uso al Rainbow in questi giorni – resistente, affilato e davvero affidabile!

Ho sentito dire che molti pesci sono stati catturati nella posta 21, nella parte più lontana, ma non è una novità visto che l'alto livello dell'acqua ha fatto sì che le insenature siano l'habitat perfetto per le carpe. Da quella parte tutti stavano catturando bene, anche dagli spot meno profondi. Il mio spot non possiede il lusso di essere poco profondo, sarà di circa 10 piedi e profondo 21, ma avevo fiducia in me ed ero sicuro che prima o poi un pesce mi sarebbe venuto incontro e avrebbe desiderato assaggiare la mia esca. Certamente non ho segreti quest'anno, vado sempre avanti con le mie esche Instant Action Coconut Crème e di nuovo ebbi fiducia nelle pellets ed in un mix di granaglie ed esche affondanti.

Non ci è voluto molto perchè l'azione si facesse sentire, passò una bella regina da 35 libbre, che fu presto seguita da una grossa 42 libbre, sebbene non abbia visto troppa azione nello spot. Entrambi i pesci vennero dalle zone meno profonde da 10 piedi, in cui erano posizionate le canne. Una canna rimase quieta. Mi spostai così a 9, anche se ero un po'  preoccupato perchè pensavo di correre un rischio e nel giro di due ore la canna partì, così riuscii a guadinare una bella Specchi da 31 libbre, sana e salva. Tutti i pesci erano davvero forti e lottavano molto. Il calore dell'acqua sembrava volesse aumentare il livello di energia e la prima parte di ogni battaglia fu davvero una propria guerra, finchè il pesce perse un po' delle sue forze e tornò tutto nella norma!

Ad essere onesto, la pesca durante i giorni seguenti si rivelò stabile, senza azioni significative.

Ogni giorno succedeva qualcosa, tipo una o due catture la mattina presto o la sera tardi, quando il livello dell'acqua era molto basso. Le condizioni climatiche umide ed afose minacciavano la quiete della pesca, anche se vi erano periodi alternati a pioggia, le condizioni non erano tali da poter condurre una pesca perfetta. Ci voleva un po' di vento per fare in modo che il giorno potesse chiamarsi “Un martedì di grande pesca!”

Finalmente riuscii a sentire il vento prima che la luce del giorno si fece vedere, così alle 9 del mattino mi ritrovai a lottare con una fantastica Specchi da 56 libbre e 4 oz, riuscii a portarla dentro al guadino. Forse la cosa più sorprendente fu che proveniva da livelli d'acqua profondi, (21 piedi), ebbi così la dimostrazione che quando il pesce ha fame, mangia dagli spot in cui ha sempre mangiato regolarmente. Lo spot mi diede così più sicurezza. Il vento si mosse ed alle 13:30 mi trovai nuovamente a lottare con un altro pesce! Dalle squame dorate mi resi subito conto che si trattava di una grande Regina.

Vidi una 60 libbre, 4 oz, così verso le 4:30 del pomeriggio ci fu azione, ma la persi. Si trattava di una carpa davvero forte. Alla fine mi resi conto che era di 67 libbre, 8 oz, veramente forte e dura da vincere!

Si trattava di un giorno da ricordare davvero, ma il giorno seguente il vento aveva continuato a soffiare e ci fu grande azione. Iniziai alle 10 del mattino con una bellissima Regina da 61 libbre, 2 oz, ero davvero contento del mio risultato al Rainbow, non capita tutti i giorni. Più tardi si fece vedere un'altra Regina da 42 libbre, 4 oz. Riuscii a guadinare anche due spettacolari Specchi da 55 libbre, 4 oz e da 59 libbre 2 oz, mentre Joan era occupato con due Specchi da 51 libbre, 8 oz e da 37 libbre, 12 oz!

Le catture più belle hanno chiuso questo mio viaggio nello spot 18 del Rainbow Lake. In realtà il viaggio non era finito, visto che abbiamo passato un'altra settimana nell'Island insieme a Simon Crow, ma lascerò a lui la sua parte. Dopo avere aspettato così tanto tempo per questa grande esperienza, posso dire che stile, esche, strumenti e tattiche hanno dato i loro frutti. Come ho detto all'inizio, non è facile pescare, ma trarre buoni risultati è possibile, e questo è stato un viaggio che ricorderò per molto tempo.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)