News

Ripamonti: L'incontro con gli amministratori

Di Roberto Ripamonti pubblicato il 24/06/12

L'incontro c'è stato e nei prossimi giorni riferiremo con la massima attenzione citando nomi e fatti. MI si lasci però dire cosa si prova dopo aver parlato davanti a qualche assessore, un paio di sindaci e un assessore Provinciale. Sarà pur vero, come diceva uno degli intervenuti che la somma degli abitanti della zone adiacenti al lago non raggiunge il numero di condomini di un palazzo di Roma ma, questo non toglie che il Turano è meta di uno pseudo turismo da sbando (sballo) che va fermato con ordinanze che partano proprio dagli amministratori locali.

Mucchi di tende orribilmente sgargianti, macchine parcheggiate alla rinfusa, decine di chilogrammi di immondizia lasciati sulle sponde, le lamentele dei locali e di chi paga la licenza per pescare in santa pace. Aggiungiamo le ipotetiche lamentele della fauna locale visto che è innaturale che la valle del Turano sia invasa da musica durante tutta la notte, il rischio altisismo di incendi visto che vengono prodotti fuochi liberi ancorché  bloccati da pietre.....Fuochi liberi su una zona protetta....?

Ma le leggi Regionalli lo proibiscono perché basta che una folata di vento (prevista dal legislatore) porti un lapillo incandescente nel sotto bosco e poi tocca chiamare i miei amici dei Canadair anti incendio che sarebbe bene venissero non impegnati perché 4 ubriaconi dediti al barbeque illegale hanno fatto una cappella.

La cosa grave sta nelle parole dette da chi doveva garantire l'ordine pubblico (ed ascoltate da tanti presenti) sulla non illegalità dei fuochi e dei tagli di rami documentati da carponline con tanto di video . Posizioni fortemente e seccamente smentite daglli amminsitratori intervenuti....

Grave è la sufficienza con cui si è parlato delle reti da parte dei bracconieri. Gravissimo se le parole provengono veramente da un esponente dell'Arma.

Ho parlato, come al solito , a braccio e senza essermi preparato nulla ma, si tratta di un copione che recito e dentro il quale vorrei poter aggiungere liberamente ciò che penso delle scuse che vengono portate avanti. C'è chi ha parlato del Turano 30 anni fa, chi ha parlato di gare di cannottaggio, di strutture per il rsistoro fallite per beghe locali. Questo non interessa oltre un certo punto perché il Turano può essere il Cassien italiano, perché tutta l'economia del lago può basarsi sulla pesca ricreativa e perché il mio amico Tonino è pronto a convertire la sua attività di pesca professionale in pesca turismo.

Io ho avuto l'impressione che gli intervenuti (che vanno comunque ringraziati sinceramente), non abbiano una idea chiara di cosa può portare la pesca ricreativa e che giganteschi benefici si possono trarre da un Turano liberato dal campeggio abusivo, ben regolamentato, moderno e al passo con gli esmepi esteri che noi tutit conosciamo.

Sono convinto che si debba portare loro esempi ed idee perché mi è parsa evidente la volontà di risolvere il problema e tutti noi ci proveremo, lo dobbiamo fare senza indugi!

Sta a noi aiutarli a capire che possono imboccare una strada di alto profilo con innegabili benefici per tutti, a patto che non si scenda a compormessi .

Ecco qualche idea buttata li per partire;

-ordinanza che vieti i fuochi liberi di ogni tipo nelle zone adicenti al lago

- divieto assoluto di modificare, tagliare o rimuovere tronchi, alberi etc.

- pene pecuniarie per inquinamento , immondizia etc.

- divieto assoluto di campeggio nella aree adiacenti al lago fatta eccezione per coloro che, in possesso delle licenze previste e dei permessi Provinciali, stanno praticando la pesca sportiva alla carpa e simili (carpfishing, pike fishing)

- catch and relase totale in tutte le zone del lago per esemplari di carpa, tinca, luccio, coregone

- attenta valutazione dle progetto di riconversione della pesca professionale in "pesca turismo" (con automatico innalzamento dei controlli)

Non mi si venga a dire che si tratta di ostacoli insormontabili perché poi viene il dubbio che chi non emette queste ordinanze stia subendo il ricatto (voti) di questi stranieri residenti in quelle aree. Allora, molto si spiegherebbe.

Ora attendiamo  che le parole si trasformino in fatti a partire dai Guardia Pesca volontari che non sono la panacea se a fianco di questo progetto non si costruisce un futuro per le acque del reatino.

Un progetto ampio  che superi finalmente regole ancestrali, vecchie e che non hanno permesso alla Provincia di compiere, a causa di una orrenda politica dei veti incrociati, il salto di qualità che i reatini e le migliaia di amanti di quella terra aspettano e meritano.

Serve buona volontà e FATTI. Noi mettiamo sia l'uno che l'atro, ora la politica svolga il suo compito e non ci deluda per l'ennesima volta.

Personalmente ringrazio tutti i presenti, erano tanti e tutti splendidi nel loro purissimo entusiasmo.

Ringrazio un po meno chi mancava ma a quello ci penserà Facebook...


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Commenti

piero il 25/06/12
Non per fare polemica ,ma da alcuni post su FB , si legge fra le righe una mancanza di conoscenza dello specifico vorrei , ricollegandomi alle tue proposte aggiungere delle riflessioni e possibili suggerimenti....ho frequentato il Turano per + di 18 anni ,insieme a pochi altri e quello di cui adesso i Carpisti usufruiscono di questo lago lo devono ai Fatti che questi pochi anno pagato sulla loro pelle, inseredoci in primo luogo nell contesto sociale , con amicizie e rapporti, eravamo degli alieni che portavano via la monnezza degli altri, facendo cambiare il modo di vederci , spiegando cosa facevamo e quale occasione ,anche di oppurtunità economica sarebbe potuta diventare l'agevovare un turismo legato al carpfishing, per chi è troppo "carpista" per sapere ,abbiamo provato a farci dare una concessione per un punto di appoggio barche con annesso punto di appoggio per ricaricare batterie, poter disporre di un frigorifero.. , una delimitazione/definizione delle zone dove poter praticare il carpfishing di NOTTE (prima era bracconaggio), per alcuni anni abbiamo fatto emettere un ordinanza comunale che OBBLIGAVA, con tanto di comunuzione FAX e pagamento delle spese di notifica (5.000 lire) di certificare con nome e cognome e n°licenza il luogo dove si montava la tenda, (è riferita ad una legge Nazionale ancora in vigore riguardante la Prevenzione degli Incendi Boschivi e la Salvaguardia Ambientale (obbligo di portare via dall'accampamento TUTTI i rifiuti prodotti, anche quelli corporali) Ordinanza che qualsiasi Comune rivierasco POTREBBE Emanare di nuovo etc...alcune cose sono passate e ne "godono" tutti altre ancora ci si prova, i problemi con i rumeni prima li avevamo con i residenti/ villeggianti italiani (bracconaggio ,sporcizia, arroganza,( a differenza dei rumeni ti bucavano tutte e quattro le gomme) appoggio dei locali organi di controllo,è poco ? e molto? non lo so... ma sono cose che si possono fare solo dall'interno , vivendo il territorio insieme a chi ci vive. Arrivando nei fine settimana, comportandosi come se si fosse i padroni del lago , delle volte anche con arroganza verso i residenti ci allontana da quell'appogio a livello locale che è l'unica condizione per ristabilire una convergenza di interessi.Per un abitante del luogo è più vicino un Rumeno che pesca una carpa e se la mangia ( rientra nella loro cultura) che un tipo che arriva in SUV , piazza quindicimila euro di attrezzatura e non si accorge nemmeno di quello che ha intorno.


piero il 24/06/12
il ricatto è doppio ed gli interessi molteplici , come hanno riempito le centinaia di case sfitte del circondario, come mantano avanti micro cantieri di manutenzione urbanistico/stradale, chi lavaro nelle aziende agricole e piccole ufficine del circondario , da carsoli a rieti, fai bene a farti venire il dubbio, come me, è troppo anomala e sfacciata come situazione, torno all' unica cosa che secondo me fa veramente paura a pubblici ufficiali, amminastratori locali etc. una serie di denunce alla MAGISTRURA...circonstanziate, documentabili, "non è vietato accendere fuochi liberi" "800 metri di reti...e che volete che sia...." Queste due affermazioni non bastano ...?


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)