Tecnica

Poche ore in canale

Di Riccardo Masut pubblicato il 13/09/18

Il poco tempo a disposizione non deve essere un deterrente ed impedire di dedicarci alla nostra passione piu

grande.

La vita moderna, sempre piu frenetica e stressante, ci permette (almeno nel mio caso) di ritagliarci pochissimo tempo per noi,per i nostri affetti e per la pesca.

Personalmente cerco di sfruttare al 100% il poco spazio libero che riesco a ritagliarmi, in pausa pranzo, dopo lavoro, la mattina presto ecc...

Sicuramente un approccio del genere potrebbe scoraggiare molti di noi, pensando che sia impossibile catturare nell'arco di poche ore...in realtà se

 scegliamo gli ambienti giusti e adottiamo le giuste accortezze, non è cosi.

Nel mio caso, ho eletto come ambienti ideali per questo tipo di pesca, i tanti canali e fiumi che corrono lungo la campagna veneta.

Parlo di corsi d'acqua larghi al massimo una decina di metri e profondi meno di 1 metro, normalmente con una corrente piuttosto sostenuta.

Arrivando alla sostanza...come mi comporto?

Intanto riduco l'attrezzatura all'essenziale, per poter essere subito pronto e

 veloce nel montaggio/smontaggio del campo.

Nel dettaglio, la mia attrezzatura è composta da due canne da 10", piccole,leggere ma potenti, infatti scelgo una versiona da 3.5lb. 

A queste canne abbino due mulinelli di medie/piccole dimensioni, imbobinati con nylon del diamtro 0,35.

Lascio ovviamente a casa il pod e scelgo i picchetti, piu versatili e comodi.

Un secchio ripieno di palline, uno zaino e il materassino con all'interno il

 guadino in due pezzi, completano il mio set-up.

I corsi d'acqua che frequento normalmente sono ricchi di erbai ed ostacoli, a galla e subacquei.

Utilizzo ami dal filo grosso e diametri del 2 o del 4, abbianti ad inneschi di grosse dimensioni, versione hard hookbaits per ridurre al minimo la possibilità di attacco da parte di piccoli pesci di disturbo o gamberi.

Per contrastare la corrente e ridurre la possibilità che l'innesco si sposti con il moto delle maree, utilizzo piombi da almeno 140g.

Le zone proficue normalmente sono gli spot puliti tra gli erbai o nei pressi di questi ultimi.

Vien da se che tenere le frizioni chiuse e non allontanarsi troppo dalla canna diventa essenziale se vogliamo ridurre al minimo le possibilità di perdere la carpa negli ostacoli.

Pescando solo per poche ore diventa essenziale essere discreti durante le

operazioni di lancio e pasturazione, di modo da non spaventare i pesci presenti in zona e dover attendere molto per il loro ritorno.

Mi è capitato piu volte di lanciare la canna e vedere scappare inesorabilmente le carpe spaventate dal rumore del grosso piombo.

Viceversa se siamo discreti, possiamo aspettarci abboccate anche in breve tempo.

Consiglio sempre di coprire l'amo con un piccolo foam o ancora meglio un sacchettino in PVA, onde evitare di raccogliere sporcizia durante la calata. 

Per avere attrattività in breve tempo, utilizzo una miscela di pellet di grosso diametro, boilies dippate e tiger nut.

La sera rappresenta sempre un momento magico anche e sopratutto nei fiumi.

Arrivando col buio diventa tutto piu difficile vista la poca visibilità, ma sicuramente se facciamo tutto in maniera accurata, non saremo delusi.

Normalmente le zone dove poter aver abboccate anche in breve periodo sono gli spot nei pressi di erbai, grosse curve dove la corrente scava e nelle

vicinanze di ostacoli sommersi o piloni di ponti.

L'esca magica non esiste, ma personalmente preferisco boilies dal gusto dolce o fruttato per contrastare i fondali maleodoranti che normalmente contaddistinguono i fiumi in cui pesco.

L'innesco che scelgo nel 90% dei casi è lo snow-man, in alternativa scelgo grosse boilies singole affondanti.

Finali piuttosto lunghi (almeno 20-25cm) onde evitare che l'innesco finisca sommerso nelle zone piu morbide, completano la mia presentazione tipo.

Buona fortuna e non scoraggiatevi se avete poco tempo a disposizione!

A volte basta davvero poco per ottenere degli ottimi risultati anche in ambienti liberi come i fiumi!

 

 


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)