News

Pagliarini: accetto la sfida di chi vuole cancellare le nostre acque!

Di Redazione pubblicato il 12/09/16

Accetto la sfida di tutti coloro che hanno deciso di cancellare il patrimonio ittico dai nostri corsi d’acqua.

Negli ultimi anni, alcuni di noi si sono impegnati oltre misura, per far emergere i crimini compiuti contro le nostre acque e il nostro patrimonio ittico, per costruire un rapporto stretto di collaborazione con Istituzioni e Forze di Polizia, per modificare leggi e regolamenti territoriali e per organizzare strutture di vigilanza volontaria.

Nomino tutti coloro che sono dotati di opportuna sensibilità ambientale, che non accettano di rimanere indifferenti, che sono geneticamente propensi a reagire al sopruso, ad impegnarsi nella nobile causa della Tutela del Territorio e la Salvaguardia della Risorsa Ittica, per mettere la parola fine alle violenze e agli stupri a carico del nostro patrimonio, per ridare dignità all’ambiente che ci ospita, per ritrovare il giusto valore del confronto in libertà. 

Alessandro Pagliarini

Sono parole chiare quelle di Alessandro Pagliarini, da molti anni uno dei capo fila della lotta ai disastri del bracconaggio ma allo stesso tempo, contro coloro che dall'interno della pesca sportiva italiana, hanno operato e moralmente supportato e applaudito la distruzione delle nostre acque.

Le deliranti utopie di qualche fanatico hanno aperto la strada alla politica che non ha avuto remore, complice qualche ittiologo colluso, ad accettare accordi e situazioni che sono la fonte della degenerazione che stiamo vivendo.

Le acque italiane sono allo stremo, le forze in gioco a parole sarebbero molte ma in realtò, sono davvero poche e striminzite. Tante parole, poca partecipazione dalle centinaia di migliaia di appasisonati che non credono, non conoscono, non convivono con questo disastro.

Le riprove sono le raccolte firme, autentici fallimenbti che possono poi essere facilmente strumentalizzati ma che singificano solo che c'è bisogno di fare ancora molta strada per trovare unità di intenti.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)