Ostellato...una decisa precisazione

di Pavel Perescu pubblicato il 06/04/17

Nei primi anni di lotta al bracconaggio si erano delineate due categorie di persone: quelle che hanno capito quanto stava accadendo e subito si sono attivate per trovare soluzioni, e quelle che se ne fregavano perché tanto era un problema che ancora non li riguardava.
Con il passare del tempo però, il male si è esteso e il degrado è arrivato anche dove prima era solo qualcosa di lontano e per alcuni poco veritiero.
Arriviamo così ai giorni nostri e le categorie di persone da due sono diventate tre:

-quelle che fin dall’inizio hanno combattuto,

-quelle che con il tempo hanno reagito e si sono unite alla lotta

- e poi le ultime quelle che gridano “CI SIAMO RIPRESI OSTELLATO”.


Se alla prime due categorie, va tutto il nostro rispetto, anche a chi è arrivato dopo, perché c’è sempre tempo per ravvedersi e unirsi, ecco per la categoria restante, quella composta da cadaveri che in tutti questi anni se ne sono sbattuti, non hanno partecipato ad un ritrovo o conferenza sul tema, non hanno dedicato un minuto del loro tempo per contrastare i bracconieri nelle acque dove fino l’altro giorno pescavano preferendo fare 400 km ogni week-end per cercare posti ancora non depredati o si sono rifugiati nei recinti a pagamento..ecco a questa categoria di individui voglio dire che SIETE DEI MISERABILI.

Definizione di miserabile: che provoca desolazione, avvilimento, compassione materiale o spirituale; che denota miseria, povertà, squallore.

Al grido di “CI SIAMO RIPRESI OSTELLATO” sempre più frequentemente ci sono questi pescatori con le “p” minuscole, tanto piccole come le “p” di palle che tengono nelle mutande, che non hanno mosso un dito per tutelare le acque che circondano il territorio dove vivono, ma che addirittura ora si arrogano il diritto di chiedere informazioni e avvallare pretese perché il canale di Ostellato ha dato qualche segno di ripresa.

Ripresa arrivata dopo lotte notturne tra chi calava metri di rete e chi gliele toglieva, mentre gli i guerrieri di “CI SIAMO RIPRESI OSTELLATO” erano a casa a scrivere su Facebook al loro fidanzato.

Costoro dovrebbero prima chiedere scusa, e poi chiedere il permesso di calpestare gli argini di quel canale che ha visto giorni bui come la notte, e se ora c’è un po’ di luce di sicuro non è per merito del vostro impegno.

Ci si vede ad Ostellato, così vi regalo la t-shirt stampata per tutti voi.

Pavel






Commenti

Icona utente Simone il 07/04/17
Parole Sante!! Tanti lamenti e pochi fatti mi sono rotto continuo a combattere anche nella mia provincia da solo!!! Tra incapaci gente che parla parla e non si muove e corrotti... ma non mollo prima o poi una battaglia la vinco!!!

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)