News

Organizzazione piramidale criminale.

Di Resto del Carlino pubblicato il 20/06/18

Bologna, 19 giugno 2018 – “Un’organizzazione piramidale del tutto sovrapponibile ai clan camorristici”.

Non usano mezzi termini i carabinieri per definire il gruppo di pescatori abusivi, undici in tutto, denunciati nei giorni scorsi grazie a un’iniziativa che ha visto anche numerosi sequestri 

Il sodalizio, composto per la stragrande maggioranza da rumeni della città di Tulcea e da due predatori di vongole italiani, operava tra Emilia Romagna e Veneto.

Ed è lì che i forestali sono intervenuti tra l’8 e il 14 giugno.

Le province interessate dall'operazione ‘Carpe Diem’ sono Bologna, Ferrara, Ravenna, Rovigo, Padova, Venezia e Verona.

Ciò che è emerso è sconcertante: i bracconieri catturavano i pesci nelle acque interne con l’uso di elettrostorditori e sostanze venefiche, senza fare differenza tra specie protette e non; poi trasportavano il pescato in condizioni igieniche precarie. Il prodotto ittico finiva così sui banchi di mercati esteri, soprattutto nei Paesi dell’Est europeo.

Il gruppo agiva secondo le logiche del clan malavitoso, perpetrando violenze e truffe.

I carabinieri sono riusciti a fermarlo, facendo scattare sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro. Inoltre, sono stati sequestratioltre una tonnellata di pesce (266 carpe, 12 siluri e 4 lucci), 4 gommoni, 4 batterie, 3 retini, 8 reti da pesca, 4 elettrostorditori, 1 coltello a serramanico e 3 veicoli, di cui 2 furgoni. I ferri di un mestiere illegale.

I pesci morti sono stati conferiti alla sezione ferrarese dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale per l’Emilia Romagna, dove verranno svolti accertamenti.

L’ipotesi di partenza è che gli animali siano stati uccisi dall’elettrostorditore, vietato nella pesca. Quelli trovati vivi, invece, sono già stati liberati. Si tratta di 100 chili di vongole e 147 carpe, molte delle quali cariche di uova. Questo, infatti, è un periodo delicato per la loro riproduzione.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)