News

Operazione anti bracco ad Adria

Di Redazione pubblicato il 22/11/18

Effettuata una importante operazione congiunta degli uomini del nucleo Ispettori pesca della Capitaneria di Porto di Chioggia, dei Carabinieri del Nas di Padova e della Compagnia Carabinieri di Adria. La notizia di pesca abusiva di specie ittiche d’acqua dolce da parte di cittadini romeni, senza alcuna autorizzazione alla pesca professionale aveva indirizzato le indagini su una piccola frazione del Bassopolesine.

Gli accertamenti espletati all’interno della residenza di un cittadino romeno hanno portato, secondo le contestazioni, al rinvenimento di circa due tonnellate di vario pesce d’acqua dolce (carpe e “pesce siluro”), conservato in locali frigoriferi non autorizzati, in quantità notevolmente superiori al frutto di una lecita attività di pesca sportiva. Se ne ipotizza infatti l’illecito trasporto e vendita in Paesi dell’est Europa.

L’attività ha portato alla contestazione di due violazioni amministrative in materia di igiene dei prodotti alimentari ittici rinvenuti, nonché della loro rintracciabilità, a garanzia della sicurezza alimentare, violazioni queste complessivamente sanzionate fino a € 4500.

Lo stesso prodotto, ammontante a circa due tonnellate di peso, e dal valore commerciale di circa €8000, è stato sequestrato, sottoposto a controllo del servizio veterinario dell’Azienda U.L.S.S. n°5 “Polesana”, che ne ha attestato l’idoneità al consumo umano, e che è stato pertanto venduto all’asta in data odierna al mercato ittico di Donada (Porto Viro – RO), alla presenze del Servizio veterinario e degli uomini della Capitaneria di Porto di Chioggia.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)