News

Mentre i bracco inventano storie lacrimevoli...

Di Roberto Ripamonti pubblicato il 15/01/17

La storia che abbiamo più volte riportato su queste pagine, condividendola da quella del Movimento GSI o dai Pirati del PO è di quelle che ci fanno comprendere che il tempo della parole è finito da un pezzo.

Lo avevamo detto sin all'indomani del Carp Italy e della conferenza da cui è poi scaturita una legge presentata dal PD, senza fatti concreti non ci sarebbe stata una nuova conferenza perché tutto quello che potevamo fare era stato fatto.

Il Governo ha de-potenziato le forze preposte al controllo del territorio e quest'anno, tranne poche e meritevoli eccezioni, abbiamo visto la metastasi esplodere ed espandersi in tante altre Regioni.

Tanta è la forza con cui il fenomeno bracconaggio è esploso che bisogna continuare a provarci.

La storia del finto agguato o minacce ai bracco, che per la cronaca sono dei delinquenti e non delle suore di clausura, ha tutte le caratteristiche per dipingere la situazione.
Vengono beccati con le mani nel sacco, vengono chiamate le forze dell'ordine e al momento del loro intervento inventano storielle curiose.
Noi siamo i cattivi, i razzisti, i violenti.
"Loro" sono vittime che se non bracconassero dovrebbero andare a rubare nelle case ed allora tutto è giustificato.
Suona incredibile anche semplicemente ascoltare queste schifezze e provare a trovare un briciolo di comprensione.
Sono delinquenti e fanno soldi a palate rubando a casa nostra.
Che NON è casa loro perché "loro" sono ospiti sgraditi perché non provano nemmeno a rispettare le leggi più elementari e basiche.
Allora mostriamo le immagini di quello che avevano bracconato prendendole direttamente da una pagina FB per far capire a chi fosse scettico che, questa gente va fermata e la conferenza che faremo a Carp Italy si propone il compito di portare davanti alla politica il compito di considerare questi reati e l'organizzazione che li controlla lo stampo che merita, quello di organizzazione di stampo mafioso.
E' un disastro ambientale, loro sono criminali che stanno distruggendo un'economia e le misure che devono essere prese devono essere straordinarie.
Il resto è chiacchiera che non merita repliche.

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)