News

Meeting di carpOnline; tante luci!!

Di Redazione pubblicato il 15/09/11

Meeting è finito da qualche giorno e forse è arrivato il momento di ragionare a freddo sulla manifestazione della più importante rivista italiana di carpfishing.

 

CarpOnline è nata da solo tre mesi (oggi) e si è già imposta come la più forte e solida realtà della pesca alla carpa in Italia; lo dicono chiaramennte i numeri che si possono scaricare facilmente da tante fonti.

Sui numeri di internet si bara poco e Carponline, con i suoi quasi 12 mila lettori differenti al mese, stacca di 3-4 volte ogni altra rivista analoga su carta.

Il Meeting è stato un momento conviviale prima di ogni altra cosa e per questo, lo spirito con cui è stato vissuto è stato magnificamente goliardico, rilassato e piacevole. Ci sono tanti protagonisti quanto una manifestaizone va così bene ed è giusto ricordarli.

Prima di tutto, i tanti appassionati che sono passati a vedere di cosa si trattava; entusiasmo, tante domande e una pulizia di intenti e di idee davvero entusiasmante. Tanti appassionati  a parlare di pesca, di ambiente in modo attento e pronto a portare eperienze e idee. Entusiasmo puro, pulito e senza ipocrisie.

Poi ci sono stati i collaboratori della rivsita che hanno raggiunto il lago San Pietro provenendo da tutt'Italia.

Questo è stato un risultato importante visto che solo pochi mesi fa, il gruppo che aveva fatto la storia di Pescare Carpfishing sembrava (tra ampia soddisfazione di molti addetti), sul baratro.

Invece, eccoci qui senza defezioni importanti e cn qualche assenza (Coroi, Mazzarella, Galletti, Riccitelli, Amarante, Marchiori e Germasi) ampiamente prevsiat e assolutamente, ben motivata

La palma dei viaggiatori spetta ai Maffei (Pino e Samuele) per la cronaca anchr se Ronnie De Groote è stato certamente quello di residenza più lontana.

Ronnie è stato un gran bel regalo che Matteo Marmocchi e la Nash hanno voluto farci e di questo, li ringrazio!

Un gruppo di collaboratori che rappresenta il gotha del carpfishing italiano da oltre 5 anni a cui si è affiancato un gruppo di esperti più giovani che si stanno impornendo per l'intelligenza delle loro prorposte. Questa è carpOnline, senza divi, senza star, senza fanatismi e senza proclami.

A fianco dei mostri sacri come Zurma, Zurma, Grana, Forcolin, Bravo, De Groote , Dodi (Alex), si sono aggiunti in tempi più o meno recenti, autori del livello di Zanchiin, Bulla, Girardi, Marcello Dodi, Gigi Negri, Amore, Bergamini. Un gruppo in cui l'entusiasmo e lo spirito di squadra è quello che fa la differenza.

Il lago San Pietro si è dimostrato generoso con le catture ed in patricolare dobbiamo segnalare i colpi messi a segno da Zurma (Amur da 21kg e almeno due carpe oltre i 16 kg, Negri/Maffei con varie carpe sopra i 15 kg, Bulla con un ottimo amur da 17 kg. Tutti pesci splendidi, non facili e che hanno reagito bene regalando combattimenti importanti.

La manifestazione è stata anche loccasione per vedere all'opera il nuovo Shimano Long Cast XT-A nelle versioni Big e Medium che Ripamonti ha presentato agli appassionati, insieme a tanti altri modelli che potremo vedere gradualmente sulle pagine della rivista.

Il meeting è stat il momento per parlare del prossimo Carp Italy che sarà una kermesse unica in cui, la nostra manifestazione di riferimento proporrà idee nuove e vincenti.

Ma il meeting ha anche avuto un padrone di casa perfetto ovvero, Luca Foroni.  Per un appassionato di pesca come lui non è facile rimanere dietro le quinte per lavorare e permettere a tutti i protagonisti di essere al meglio.

E' grazie a Luca e gli uomini e donne che compongono la grande fa miglia de La Mincio se , ogni singolo istante è stato perfetto a partire da una ristorazione davvero esemplare sia nella qualità che nella perfezione del servizio.

Il lago San Pietro, con questa nuova gestione, torna al centro del panorama del carpfishing italiano dopo anni di buio. Adesso è tormnato il luogo che tutti abbiamo conosciuto negli anni; pulito, ricco di catture e sicuro. Il luogo ideale per chi vuole vivere un carpfishing senza isterismi, senza fanatismi e senza la ricerca spasmodica del record (fasullo).

Grazie a tutti quindi se le cose sono andate molto bene; ci vediamo la prossima stagione ma prima di ogni coss; ci vediamo al Carp Italy di Gonzaga; quello vero, quello che esiste da 15 anni e fa parte della stroria della pesca italiana!.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)