Itinerari

Le Lac du Montbel (Francia)

Di Mirko Antonelli pubblicato il 15/11/11

IL lago di Montbel  è un magnifico bacino situato nel sud ovest della Francia nel dipartimento dell’ Ariege.

Il lago con una superficie di 570 ettari è di origine artificiale ha ben 3 sbarramenti. La diga principale regola il livello idrico ed è il punto più alto del lago, mentre una seconda diga  genera il “Piccolo Montbel” (piccolo x modo di dire) che per tutto l’ anno rimane sempre al massimo invaso e non subisce variazioni di livello stagionali.

Entrambe gli invasi sono molti curati ed attrezzati con tanto di campeggio munito di chalet e piscina. Curate stradine con ottima segnaletica, utilizzate soprattutto per il trekking, costeggiamo tutto il lago che viene sfruttato molto anche per gli sport acquatici come vela, nuoto, kite surf e, ovviamente,  la pesca sportiva. Per quel che riguarda il lago grande , molto praticato è lo spinning ai grandi lucci e siluri presenti di ottime dimensioni; le carpe, in prevalenza specchi, hanno una buona media di peso e non è raro catturare esemplari che raggiungono e superano i 20 kg.

Il  Piccolo Montbel al contrario si caratterizza dal fatto che si catturano solo ed esclusivamente regine di peso molto interessante, anche se la loro cattura è particolarmente difficile a causa della massiccia presenza di gamberi e cozze che rendono impossibile pescare nel migliore dei modi .

Noi ci siamo stati a fine ottobre ed abbiamo trovato il lago molto basso, caratterizzato da moltissime lingue di terre, rocce, ceppi, che ci ha fatto subito innamorare. Il  fondale è risultato all’occhio del nostro ecoscandaglio molto irregolare, di consistenza variabile , con molti dislivelli, isolette, rami sommersi. Il tutto ci ha fatto in un primo momento presagire una sessione da sogno, ma non avevamo fatto i conti con il fattore climatico che purtroppo non ci ha assistito .

Siamo arrivati il 21 ottobre in mattinata con un tempo fantastico.

Essendo  in 5 abbiamo deciso di dividerci: 3 su un isola e 2 su terra ferma. Dopo aver trasbordato con tutto il materiale, anche se stanchi abbiamo montato il campo e scandagliato il fondale. Entrammo  in pesca la  notte stessa riuscendo ad ottenere una cattura di una bella regina.

La mattina seguente molti fiduciosi per il nostro posto e anor più entusiasmati dai panorami mozzafiato che il bellissimo lago che ci si presentava, abbiamo innescato e riposizionato tutti i nostri terminali.

All’ora di pranzo, dopo aver finito di mangiare, iniziò la nostra disavventura : una pioggia incessante accompagnata da fortissime raffiche di vento ci fecero rimpiangere le brutte giornate trascorse sul lago di Bolsena o Bracciano che a confronto sembravano “capricci primaverili”. Fortunatamente le nostre tende Carp-Zone ancorate con picchetti da 50 cm sono riuscite a garantirci un degno riparo.

Causa forza maggiore le nostre canne sono dovute rimanere in pesca x 3 giorni consecutivi senza poterle controllare o rilanciare. Fortunatamente le boilies anti gambero realizzate appositamente dal “Gigi nazionale” hanno fatto il loro dovere portandoci al guadino 3 specchi non esagerate di peso ma molto belle e in ottima forma.

Il 5° giorno smise di piovere e così decidemmo di smontare il tutto e cambiare lago.

Ma questa è un’altra avventura.

Devo  dire che con quel vento che ancora sento nelle orecchie non è stato affatto facile, avendo messo veramente a dura prova le nostre attrezzature e consumato ben 4 batterie durante il trasbordo!

Parlando con i molti pescatori presenti sul lago ottobre e novembre è ottimo ma il vento è sempre presente in modo esagerato per questo abbiamo già programmato una sessione per aprile 2012. 

Riusciremo a prenderci la nostra  rivincita!

 

Permessi

Niente di più semplice i permessi si possono fare comodamente da casa cliccando  sul sito

www.ma-carte-de-peche.fr che ci consente di poter fare la “licenza vacanza” che  ha una durata di 7 giorni consecutivi al costo di circa 40 euro oppure quella valida un anno che costa circa 80 euro. Basta registrarsi ed effettuare il pagamento per poi stampare la licenza che ci consentirà di pescare nel fantastico lago di Montbel.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)