News

Le caz...te dei contenimenti.Part.2

Di Redazione pubblicato il 08/08/19

Tratto da: "La carpa erbivora nella provincia di Ferrara: alcune considerazioni a vent’anni dall’introduzione".

Autori: omissis....

"Da un punto di vista ecologico, gli effetti del sovra-pascolo, ovvero ciò che si verifica se il numero di esemplari di carpa erbivora presenti in un dato ambiente è eccessivo, sono molto gravi, più di quelli causati da un eccessivo numero di altre specie alloctone.

Fin dalle prime fasi successive alla introduzione della specie, si verifica un generale intorbidimento e peggioramento della qualità delle acque, evidenziato anche dall’aumento delle concentrazioni di azoto e fosforo, rilasciati per attività di escrezione e con le feci.

Ciò è strettamente dipendente dal tipo di alimentazione della carpa erbivora, che nutrendosi quasi esclusivamente di materiale vegetale, a basso valore nutritivo, ne deve assumere grandi quantità. In relazione alla bassa digeribilità di queste piante, grandi quantità di feci sono continuamente espulse, andando ad aumentare la torbidità dell’ambiente, dando all’acqua una colorazione verde-marrone, per la abbondante presenza di alghe microscopiche ma con tonalità opache".

Le conclusioni a cui si arrivò poi a fine 2010 era che anche l'amur doveva essere contenuta tramite la pesca di mestiere, o comunque non rilasciata, in quanto intorbidendo l'acqua favoriva la predazione delle specie "nobili" da parte del siluro e del lucioperca.

 

Chiaramente della immondizia che entra in acqua e che è l'unica cusa della colorazione delle acque non si fa cenno. Ci domandiamo, ma questa è informnazione scientifica è si configura il reato di interesse privato in atti d'ufficio?


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)