News

Inasprire le pene per il bracconaggio

Di Redazione pubblicato il 25/01/17

L’inquietante episodio riguardante le minacce a un pescatore disabile da parte di due individui di origie rumenaè stato oggetto di un’interrogazione alla Giunta regionale da parte di Alan Fabbri (Lega Nord) sul fenomeno del bracconaggio nella pesca.

“Nei giorni scorsi – scrive infatti Fabbri nell’interrogazione – nel canale circondariale di Ostellato, nel ferrarese, due individui avrebbero minacciato una persona disabile con la passione per la pesca, intimandogli di andarsene. Da diverso tempo sono stati segnalati nella zona ripetuti episodi di bracconaggio fluviale, che interessano comunque tutte le province della nostra regione e non solo quella di Ferrara”.

Nell’interrogazione alla Giunta, Fabbri chiede di sapere “quali iniziative legislative intenda porre in essere la Regione per inasprire le sanzioni contro il fenomeno del bracconaggio fluviale e della pesca di frodo”.

Per Fabbri “oltre a essere un’inaccettabile attività di intimidazione che scoraggia gli appassionati di pesca a frequentare le nostre zone fluviali, il fenomeno del bracconaggio e della pesca di frodo causa seri danni economici agli operatori che rispettano le regole”.

Trattandosi di un fenomeno profondamente radicato e organizzato – sottolinea il consigliere – occorre “un serio intervento legislativo che consenta agli operatori delle Forze dell’Ordine di avere i mezzi necessari a stroncarlo”.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Commenti

Loris il 15/02/17
Ancora reti sull'adigetto questo è l'articolo di oggi http://www.ilgazzettino.it/nordest/rovigo/loreo_adria_adigetto_predoni_pescatori_di_frodo_carabinieri_forestali_700_metri_reti_illegali-2260675.html


Franco Rossi il 10/02/17
Il bracconaggio è un problema molto serio, le Autorità competenti dovrebbero prendere veramente in considerazione questo problema, creando delle Leggi e adottando seri provvedimenti, vigilanza intensa diurna e notturna con mezzi idonei e pene severe, no multe, tanto non le pagano, ma condanne penali, reclusione per i recidivi o farli rimpatriare.


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)