Tecnica

Helicopter Vs Safety

Di Eugenio Amore pubblicato il 25/11/12

Helicopter Vs Safety

Helicopter rig cosa dire, probabilmente uno dei rig più “ antichi “del carpfishing, proveniente quasi certamente da un riadattamento dei braccioli usati nella pesca dalla barca e nel surfcasting, è tutt'oggi l'optimum per quello che riguarda la prestazione di lancio e la sicurezza di presentazione.

Questo terminale è sicuramente stato usato allo sfinimento fino all'avvento della pesca a long range seguita dalla costruzione delle Bait Boat, indispensabili in quei laghi dove non è permesso l'uso della barca. Ad oggi, lo si vede sempre meno perchè la pesca a lancio(non intendo naturalmente il marginal) a distanze tra i 60 ed 90 mt. e più, è pressoché scomparsa, sostituita nella stragrande maggioranza dei casi e naturalmente quando è possibile, dall'utilizzo della barca o del barchino; oggi pochi dispongono di una tecnica di lancio tale che li metta in condizioni di pescare efficacemente.

 

Un Helicopter deve avere delle ben definite caratteristiche; venendo utilizzato per la pesca a disatanza(60/90 mt.) deve essere assemblato con ami adatti a combattimenti lunghi, questo significa che è indispensabile l'utilizzo di hook non troppo piccoli, con filo medio o grosso e curva ampia, in modo tale che una volta ferrata la preda sia possibile forzare senza troppi rischi di slamature dovute a lacerazioni o cedimenti del nostro uncino.

La scelta della lunghezza del finale è dipendente solo dal tipo di fondale e dalla distanza che vogliamo raggiungere(un finale corto ruota molto meno di un finale lungo, questo comporta maggiori distanze e sicurezza di presentazione); un punto di forza dell'helicopter rig è proprio con i fondali melmosi, perché da la certezza, grazie alla sua strutturazione, che la boilies rimanga esterna alla melma potendo essere trovata con più facilità, cosa che non avviene se utilizziamo la stessa lunghezza di finale su una montatura in-line, il piombo affondando si porterebbe dietro molto terminale nascondendo conseguentemente l'innesco.

Al riguardo del piombo possiamo dire che se vogliamo ottenere lanci record è indispensabile utilizzare forme fusoidali tipo “Horizon Lead”, altrimenti se peschiamo su fondali inregolari o scalini è sicuramente meglio, a scapito della distanza, utilizzare dei “Kling on Leads” o dei “Fleat Pear”.

 

Sin ora ho parlato delle note positive di questo “Old Rig”, ma come in tutte le soluzioni ci sono dei lati negativi, nel caso dell'helicopter rig quello più pesante è l'impossibilità di perdere il piombo in fase di combattimento, questo lo limita quindi ad utilizzi esclusivi in luoghi con scarsissima presenza di ostacoli; altro piccolo problema è dato dal fatto che il finale non è in linea con la madre lenza ma è derivato, quindi l'asse di trazione non è ottimale per combattimenti estremi.

 

Passiamo adesso al rivale moderno del nostro Helicopter Rig; il suo nome originario era “Bolt Rig”, poi sembra che il Sig. Gibbinson lo abbia rinominato “Pendulum Rig” proprio grazie alla sua estetica finale. Questo tipo di assemblaggio ci permette di effettuare ottimi lanci ed ottime presentazioni, grazie al fatto che come per il precedente rig, durante la traiettoria aerea il terminale si dispone parallelamente al leadcore limitando al minimo la rotazione. Le distanze raggiungibili sono leggermente inferiori a quelle dell'Helicopter a causa della posizione non proprio in asse del piombo nei confronti del leadcore.

Questo tipo di montaggio si distingue dal resto dei finali per l'utilizzo di una accessorio strutturato da un corpo centrale forato dove al suo interno viene fatto passare il leadcore al quale verrà vincolata la girella che ospita l'asola del Rig, ultimamente si tende sempre più spesso ad utilizzare degli agganci rapidi ibridi delle normali girelle. Su Questo corpo solido e cavo è presente una clip semi rigida, la quale dopo l'inserimento del piombo ad occhiello viene mantenuta aderente all'asse con un tubicino in PVC.

Questo semplicissimo ma ingegnoso sistema ci permette di pescare in ogni situazione immaginabile, dalla pesca a lancio garantendoci distanza e perfette presentazioni, alla pesca in long range dove è tassativo che il piombo si sganci quasi immediatamente dopo la ferrata per poter mantenere un contatto diretto con la preda e quindi un controllo ottimale del combattimento, inoltre ci da la possibilità di pescare in zone più o meno “infestate” dagli ostacoli garantendo in caso di incagli, lo sgancio del piombo e quindi una possibile ripresa del combattimento e nel caso di una rottura della lenza madre la quasi certezza che la carpa si liberi e riesca a sopravvivere.

Parlando di efficacia nell'autoferrata, questi due terminali sono sicuramente secondi rispetto ad una montatura in line, però è molto importante valutare le situazioni che ci si presentano, per poter determinare le reali caratteristiche che ci serviranno in riferimento all'ambiente affrontato;

Per cui se il fondale è melmoso o comunque ricco di vegetazione in decomposizione , vedi periodi autunnali sotto gli alberi o ai bordi degli erbai, oppure se il fondo è privo da ostacoli e la distanza raggiungibile a lancio la scelta migliore sarà un Helicopter's, altrimenti sicuramente un Safety Bolt Rig, che a mio avviso rimane il finale all round per eccellenza, non ha rivali considerando la globalità delle caratteristiche che possiede.

The winner is the Safety!! Bye Bye.

 


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)