News

Gli altri bracconieri nascosti...(ma nemmeno tanto..)

Di Redazione (foto Leonetti) pubblicato il 14/09/17

La frequente presenza di persone di etnia cinese a mollo nelle acque dell’Ombrone, e a volte nel Bisenzio, mi ha sempre incuriosito, non riuscendo a capire cosa cercassero nel fondo fangoso del torrente.
Qualche giorno fa, pur da lontano, ho comunque capito che si trattava di molluschi, anche a sentire il rumore dei gusci che battevano tra di loro quando  il “cercatore”, dopo aver dragato il fondo a mani nude, con gesto sicuro lanciava la preda nel comodo contenitore in polistirolo che galleggiando accompagnava la sua ricerca.

La curiosità a quel punto è aumentata non essendo a conoscenza di molluschi che riuscissero a sopravvivere nelle acque dell’Ombrone, il cui inquinamento sembra molto peggiorato negli ultimi tempi, dopo anni di leggero ma costante miglioramento.....

Una riflessione a caldo.....( acura della Redazione di COL)

Ma chiaramente questo è solo un esempio perché abbiamo mille situazioni in cui la stessa provenienza del pesce che mangiamo nei vari sushi, sashimi e simili leccornie è spesso di provenienza illecita. Prendiamo il servizio del TG2 di qualche mese fa in cui si entrò nel mercato Esquilino a Roma. Carpe ancora vive, siluri a tranci in eviente stato di deocmposizione, breme e carassi putrescenti, lucioperca marci. Osservanod la cliemntale si scoprì che era quasi tutta di origine asiatica o cinese segno che per loro era normale alimentarsi con queste porcherie. Poi ci sono ste le indagini delle Iene che hano dimostrato che su 10 ristoranti "falsi giapponesi" (ma in realtà totalmente cinesi), 8 erano completamente fuori da ogni regola sanitaria e di conservazione.

Anche evitando questi luoghi in cui la cucina GIAPPONESE, c'entra assai poco, potremmo provare a dare il nostro contributi a rallentare il bracconaggio. Anche gli occhi a madorla partecipano al banchetto dlle nostre acuq martirizzate, solo che lo fanno in silenzio e senza sceneggiate madri. Ma lo fanno e questo ci deve far pensare.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)