Itinerari

Emozioni in canale

Di Luca Ottoboni pubblicato il 08/05/17

Arriva la primavera,le giornate diventano più lunghe, le temperature si alzano e la natura riprende il suo vigore!

Per molti carpisti le prime uscite dell'anno riprendono in questo periodo, altri invece hanno già cominciato da un pò o proprio non si sono mai fermati.

Nulla toglie, però,che questa è una delle migliori stagioni per praticare la nostra amata pesca!

Personalmente, faccio parte di quelli che hanno già iniziato da un pò e  per questo voglio raccontarvi il mio approccio al nuovo anno.Visto le ultime pescate nella vecchia postazione del Canalbianco, dove la taglia dei pesci ormai era sempre sul medio piccolo, decisi insieme al mio compagno Giacomo, di cambiare zona sperando di rivedere qualche pesce di buona taglia e secondo il nostro parere cambiare spot e cercarne uno il più vergine possibile potrebbe essere stata la soluzione giusta.Dopo diversi sopralluoghi e scandagliate su vari apparenti buoni spot abbiamo deciso per un punto poco più a monte di dove pescavamo l'anno prima.Il posto è bellissimo, vergine e sopratutto molto tranquillo e decidiamo quindi di confermare il nuovo spot.Come ogni anno partiamo a febbraio con il preparare le nostre palline e di conseguenza cominciamo a intervalli regolari la nostra pasturazione per circa un mese che secondo il mio punto di vista quando si pesca in libera e sopratutto su un posto vergine, essa è un fattore determinante per nostre future sessioni!

In questo periodo di preparazione andai a fare qualche ora di pesca nel fine settimana, più che altro per conoscere meglio il posto ed il fondale.Nelle prime uscite non si è visto piu di tanto ma pescare nei canali o fiumi, come ben sappiamo tutti non è semplice, ci vuole una buona dose di costanza e saper cambiare approccio quando vediamo che non arrivano carpe a guadino. 

Passa anche tutto marzo, ma causa imprevisti o lavoro, sessioni lunghe ancora non siamo riusciti a farne ma un inizio positivo, con qualche carpa di medie dimensioni, l'abbiamo avuto e quindi a questo punto siamo sempre più fiduciosi che la scelta del cambiamento stia portando i suoi frutti!

Contenti per come è partita la nuova stagione si avvicina sempre di più la sessione che da settimane sto aspettando con ansia.Le previsioni del tempo sono molto buone e abbinate al canale in ottime condizioni e con temperatura dell acqua perfetta tutto fa pensare che sarà un gran fine settimana per pescare!

Arrivano le 17.30 del venerdì , appena finito il lavoro, parto e corro nella postazione del mio amato Canalbianco! Mi reco sul posto dove c'è già il mio socio Michele che nel frattempo ha già calato quasi tutte le canne. Di fretta e come fosse sempre la prima volta, apro la tenda, il pod e calo anch'io le mie lenze, sono circa le 20:00 e siamo in pesca pronti per le prossime 2 notti da vivere in questo magnifico posto!

Dopo poco e come spesso accade, mentre si cena, ecco che parte il primo pesce; con sorpresa ma non troppa è una specchi e di buone dimensioni...come primo pesce niente male! Passano solo un altro paio d' ore e arriva anche una regina. Con 2 pesci a guadino in sole poche ore tutto fa pensare che sarà una grande sessione!Infatti, nel pieno della notte, un'altra gran partenza ci fa sobbalzare di colpo per un combattimento mozzafiato con un altro pesce di buone dimensioni! Arriva mattina e Michele per impegni personali torna a casa, rimango quindi solo ad aspettare Giacomo che nel pomeriggio mi avrebbe raggiunto per continuare la sessione.

Proprio in queste ore di solitudine e relax totale tra la natura ecco che arriva il pesce del fine settimana!!! Una calata seguita da una lenta partenza dà il via ad un altro combattimento davvero duro ed emozionante! Dopo un quarto d'ora di combattimento arriva a guadino una splendida big! Finisce la mia sessione, una delle tante e si torna a casa sempre più felici di avere questa fantastica passione e sopratutto per poterla affrontare in "libera".

Chiudo con un pensiero personale per chi legge: sento spesso parlare che nei nostri fiumi o canali  non c'è piu pesce; è vero il problema del bracconaggio sicuramente ha influito tanto nelle nostre acque, riducendo ai minimi storici la presenza di carpe e dei pesci in generale, ma non tutto è perduto e non dappertutto! Il gruppo delle guardie volontarie di CFI e non solo, ma anche tanti altri appassionati stanno sicuramente facendo il massimo per arginare il problema e le sessioni come questa, che vi ho raccontato, ne sono la prova! Non demoralizzatevi quindi ai primi "cappotti", insistite o cambiate modo, pesce per fortuna nei nostri canali c'è n'è ancora!!!


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)