Itinerari

Drive and Survive Romagnieu

Di Maurizio Cavallotti pubblicato il 22/07/16

L’itinerario di pesca nel piccolo lago di Romagnieu si pone come scelta ideale per chi vuole unire una vacanza di pesca in terra Francese, al relax e al divertimento dovuto alle grosse e numerose catture.

Il lago di Romagnieu si colloca all’interno di un parco recintato, è balneabile, dispone di un’area sorvegliata dedicata ai bagnanti in cui è assolutamente vietata la pesca, numerosi spazi per poter prendere il sole, diverse zone alberate in cui un pescatore può trascorrere il proprio tempo libero all’ombra ed è consentito utilizzare il proprio barbeque o fornello per cucinare i cibi in piena libertà e fare un rilassante pic nic con gli amici, la ragazza o la famiglia.

 I servizi del lago proseguono con un chiosco (aperto solo nel periodo tardo primaverile ed estivo), bagni, docce e lavandini e cosa non trascurabile dispone di un ampio parcheggio esterno al lago.

 

In ultimo e non per ordine di importanza, il lago è attrezzato con una piattaforma in cemento provvista di parapetti dedicata ai pescatori “diversamente abili”, la piattaforma è facilmente raggiungibile percorrendo l’apposito sentiero asfaltato situato alla sinistra dell’ingresso.

 

Il lago di Romagnieu ha una conformazione “strana” molto simile ad un 8 rovesciato o ad un paio di occhiali, il suo fondale è composto prevalentemente da sabbia e ciottoli e gli unici  “ostacoli”  presenti sono, una lunga secca che divide in due la parte sinistra del lago, dei cumuli di ciottoli che, vista la scarsa profondità dell’acqua, fungono da incaglio durante le fughe laterali dei pesci, un’ isoletta nella parte centrale del lago ed una molto più piccola nella parte destra, quella vicino alla zona balneabile  vietata alla pesca.

Ostacoli comunque poco numerosi e facilmente individuabili utilizzando un buon paio di occhiali polarizzati.

Essendo un lago dalle acque basse e cristalline, quasi del tutto privo di vegetazione, dovremo cercare le carpe nei pressi dei cambi di profondità, come ad esempio sulle secche, lungo il gradino formato dalla secca del lato sinistro del lago, in prossimità delle isolette o nel caso dei frequenti e repentini abbassamenti della temperatura, nelle zone del lago con maggiore profondità, ricercando i punti di transito o porzioni sufficientemente ampie di sabbia e limo tra i depositi di ciottoli anche a profondità irrisorie nell’ordine dei  50 centimetri. Infatti alcuni pescatori locali, dichiarano che con il gran caldo non è raro vedere pesci che si alimentano in acqua estremamente bassa con la punta della pinna caudale parzialmente fuori dall’acqua.

 

Per questo motivo ritengo fondamentale effettuare un’accurata operazione di “plumbing” per conoscere con precisione la morfologia del fondale su cui andremo a posizionare la nostra mirata pasturazione, “pasturazione mirata” in quando il limite pro capite giornaliero e fissato in 8 kg per pescatore e le carpe di Romagnieu sono piuttosto “selettive” preferendo nettamente le pasturazioni concentrate rispetto a quelle sparse e dispersive.

La mia tecnica di pesca in questo lago consiste nel sondare ben bene la zona che ho di fronte, far affiorare il marker galleggiante in superficie, appoggiare la canna da marker a terra, sulla sponda opposta prendere i riferimenti utili per poter rilanciare sempre nella stessa direzione, poi prendo la canna da spod e lancio uno spomb carico appena oltre il marker …., recupero lo spomb fino a quando raggiunge il marker  galleggiante e clippo il filo sotto la clip della bobina del mulinello….

Da adesso in poi saremo in grado di rilanciare all’infinito pasturando sempre nella stessa direzione  e distanza  ….. semplice no ?

E per la canna da pesca  … ? quelle con il piombo e l’amo per intenderci …?

Basta posizionare 2 picchetti lunghi un 50 cm alla distanza di 4 o 5 metri l’uno dall’altro, avvolgerci il filo della canna da spomb fino a quando non si raggiunge la clip …. contando il numero di spire tra i 2 picchetti e moltiplicandolo per la distanza (tra i 2 picchetti), avremo l’esatta distanza di pesca.

Ripetendo l’operazione con le nostre canne innescate e clippando il filo, saremo in grado con un po’ di pazienza e pratica, di rilanciare sempre nella stessa direzione e distanza con precisione, centrando in pieno la zona pasturata.

 

NB. Dopo il lancio e prima di appoggiare le canne sui buzz bar ricordarsi di togliere il filo da sotto alla clip, in caso di una fulminea partenza, si rischiano brutte sorprese…

 

In questa sessione  di pesca ho deciso di utilizzare esche particolarmente ricche di Robin Red e farine di pesce, in quanto in questa tipologia di acque, hanno ampiamente dimostrato di avere  una marcia in più, esche studiate per essere estremamente efficaci  sia per gli Anglers che le utilizzano nelle brevi sessioni in acque sottoposte a elevata pressione di pesca, sia per quelli che le utilizzano nella ricerca della Big con lunghe campagne di pasturazione.

 

Sarà perché composte da ingredienti  di qualità elevata come i derivati del latte, del pesce, proteine vegetali , uova e lieviti, sarà perché contengono una miscela equilibrata di spezie e l’ineguagliabile Robin Red della Haith’s, ma le Equinox si sono rivelate estremamente  efficaci anche in condizioni sfavorevoli ed  in grado di surclassare le altre esche in qualsiasi acqua in cui vengono utilizzate.

 

Visto che il limite pro capite giornaliero è fissato in 8 kg bisogna effettuare una scelta sul cosa utilizzare nella pasturazione, nel mio caso, pescando a Romagnieu, i migliori risultati li ho avuti pescando a lunga distanza con inneschi molto piccoli  utilizzando come innesco  boilies pop up da 12 -14 mm o un finto chicco di mais pop up di colore giallo e aromatizzato,  in combinazione con una miscela composta da pellets , micropellets, bag mix, qualche manciata di boilies intere e un po'  tagliate in piccoli pezzi,  il tutto presentato a lunga distanza con l’ausilio dello spomb per formare un letto di pasturazione molto concentrato che difficilmente passerà inosservato .

 

Un consiglio ... visto che l’utilizzo del mais e del fioccato è severamente  vietato, ma è consentito / tollerato l’utilizzo del  mais dolce …, in ogni secchiello di spod mix cosi preparato, inserite un paio di scatolette di mais dolce frullato con il suo liquido,  200 ml di corn steep liquor liquid   e una scatoletta di mais dolce intero, bagnate i pellets e il bag mix qualche minuto prima di iniziare la pasturazione , miscelate bene il tutto e lasciate assorbire e via …  noterete la differenza ……

Per l’accesso al lago e i  permessi di pesca non è assolutamente un problema … arrivati al lago, si posteggia la macchina , si carica tutto sul carrellino e ci si posiziona davanti al cancello di ingresso, alle 5,00 si accendono le luci, il cancello automaticamente si apre dando il libero accesso al parco,  si raggiunge la postazione prescelta,  si monta tutta l’attrezzatura necessaria e si attende l’alba per iniziare a pasturare e lanciare i nostri inneschi…..

Durante l’arco della giornata, un guardiapesca passerà per il controllo dei permessi  dando la possibilità di acquisto di 2 tipologie di permesso … quello giornaliero, in vendita da Giugno a Settembre al prezzo di 10 euro  o quello annuale che da diritto di pescare da Marzo a Novembre al prezzo di 90 euro …..

Nulla di più semplice…

Rammento che … Il cancello si apre automaticamente alle 5,00 e si richiude sempre automaticamente alle 21,00 ma l’azione di pesca può essere svolta solamente dall’alba al tramonto … in funzione del periodo stagionale necessita verificare gli orari.

Interrotta la pesca, si può rimanere all’interno del parco … ma attenzione !!!   Entro le ore 21.00 bisogna uscire!!!, se il cancello si chiude e noi rimaniamo all’interno,  rischiamo pesanti sanzioni ….

Info Utili

Contattare l’Association de Peche lac de Romagnieu al numero 0476316580 oppure  più semplicemente collegandosi al sito www.romagnieu.fr  si può controllare online l’agenda del lago per verificarne la disponibilità, in quanto, durante l’anno si svolgono alcuni enduro o altre manifestazioni che occupano tutte le postazioni de lago.

Web : http://www.romagnieu.fr
Mail : mairie-romagnieu@wanadoo.fr

Per maggiori informazioni sulle esche utilizzate

 

Visita il nostro sito

www.ccmoore.com

by Maurizio Cavallotti Team CCMoore Italia


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)