Boilies E Mix

Tutto sulla Betaina by Henry de Beer - Trad. di Eugenio Amore

Di Eugenio Amore pubblicato il 28/01/15

Visto l'interesse che ruota intorno alla Betaina utilizzata all'interno della nostra tecnica, mi è parso interessante tradurre questa intervista di Henry de Beer fatta a Ian Moore ed altri esponenti Europei del pianeta Carp Fishing.

Domande frequenti sulla Betaina by Henry de Beer (traduzione di Eugenio Amore)

 Abbiamo ricevuto diverse domande riguardanti la BETAINA, la maggior parte delle quali riguardava il ‘come funziona’. Abbiamo quindi parlato con IAN MOORE per avere un supporto.

Cosa è la Betaina?

Ian Moore - “La Betaina deriva dalla barbabietola da zucchero ed è usata per produrre cibi destinati agli animali , agli umani ed all’idroallevamento; ha valori nutrizionali e di appetibilità molto importanti e di qualità, per questo viene inserita all'interno dei cibi e delle esche. Quando viene inserita nelle boilies, pellets etc. ne aumenta il potere di attrazione sia nel breve che lungo periodo.

Per aumentare l’attrazione istantanea aggiungete un po' di Betaina alle bilie che stanno asciugando. Se invece le state congelando, basta aggiungerla nel sacchetto che va in freezer”

 

Che differenza c’è tra Anidro-Betaina e Betaina HCL?

Ian Moore - “La Betaina deriva dalla barbabietola, ma la purezza e la solubilità varia;
L'anidro-Betaina è una polvere cristallina che va da marrone scuro a giallo chiaro; l'HCL-Betaina è una polvere cristallina di un bianco splendente. L'anidro-Betaina è dolciastra al gusto rispetto al gusto acidulo della versione HCL.
HCL-Betaina tende ad abbassare il ph delle esche così da dare un segnale più forte ma è di derivazione chimica, quindi allerta il pesce che ha a che fare con qualcosa di non molto naturale. Attualmente usiamo HCL-Betaina solo quando non è disponibile l’altra.

In che senso la purezza dell’anidro è diversa da hcl?

Ian Moore - “sono entrambe pure al 96-98%. Suggeriamo di usare Betaina in dosi di circa il 2% come avvine nell'acquacoltura, alcune aziende consigliano utilizzi di dosi comprese tra uno 0.2% ed 0.55%, quantità a mio avviso pressochè inutili e che non risaltano il potere nutrizionale/attrattivo di questa sostanza.” Recentemente un produttore di esche ha affermato in un articolo che la Betaina non è così efficace come si dice che sia.

Abbiamo chiesto a Ian Moore e Lewis Read di commentare quest'affermazione.

 Ian MooreCC Moore
“Bella domanda! Chi fa acquacoltura, garantisce che effettivamente aumenta attrazione e appetibilità e chi è arrivato ad asserire il contrario non ha fatto le dovute ricerche...”

Lewis Read – Gardner Tackle
“in una boilies non è solo la Betaina che conta ma anche il tipo di mix, tempo di cottura e altri additive inclusi. Una tessitura grossolana ed aperta del mix e tempi di cottura ridotti limitano il sapore innaturale dell’attrattore.
La Betaina ha una grande reputazione fra i pescatori inglesi ed aziende produttrici di esche, sia come elemento d’ammollo che come additivo all'interno del mix. E’ per questo che se ne discute parecchio. Io sono un semplice pescatore per cui non sò valutarli da un punto di vista meccanico-chimico, ma conosco esclusivamente i test che fanno per vedere quanto è attrattiva per i pesci.

Personalmente preferisco alti livelli di ‘Green Lipped Mussel' (che non è altro che un mollusco molto simile alla Cozza comune, di provenienza Neozelandese, ricchissima di Betaina, Omega 3, Zinco, Selinio, vitamina B12 ed acido Folico),

A seguire riporto le opinioni dei migliori pescatori Europei e Sud Americani, al riguardo della Betaina:

Rod Hutchinson

Pur non essendo un elisir per carpe, è molto attrattivo perchè contiene ingredienti che sono alla base dell’alimentazione naturale delle carpe.

Es. il Robin red ha un’alta percentuale in Betaina. Io ho fiducia nel prodotto e lo uso in molti dei miei mix.

Tim Paisley – Carpworld magazine

Io uso i sacchettini di PVA molto spesso ed aggiungo allo stick mix Betaina o estratto di Green Lipped Mussel, quando voglio una reazione veloce per es. nelle gare , metto Betaina direttamente nella busta di pastura.

Bill Cottam – Nutrabaits

l’attrattività della Betaina è indubbia ed è molto usata dai miei amici.”

Mat Woods – Carpworld

La Betaina è un additivo di successo senza dubbio!”

Phil Chun - Cotswold Bait Creations

Penso che la Betaina sia un buon additivo, ma solo se usato correttamente.
Il caldo non ha un grande effetto sulla Betaina, ma se ne aggiungiamo un 2% a boilies cotte troppo, è come se non ce l’avessimo messa perche si disperderà nell'acqua di cottura. Usata nelle esche da fondale o anche immergendoci dentro le boilies è indubbiamente un ottima soluzione. Almeno il 90% dei mangimi per pesci prodotti dalle piu’ grandi aziende la atilizzano come stimolatore.”

Carp Co., UK

La Betaina è uno stimolante testato di recettori primari e secondari. Preferiamo usare la Betaina combinata con aminoacidi liberi, per avere maggiore efficienza nell’attrazione.“

Ray Dale-Smith – Carp-R-Us

Esistono molti attrattori efficaci e la Betaina è uno di questi e non vedo come si possa dire il contrario, qual'ora sia usata correttamente. Una volta che il pesce l’ha provata la continuerà a cercare.”

John Dearden – BFA

La Betaina non è un attrattore nel senso di gusto o sapore. Io lo vedo piu’ come un feeding trigger e uno stimolatore di appetito. Sembra un concetto uguale ma non lo è. Quando l’ho provata all’inizio, ho usato sia la Betaina Monoidrata che la Betaina HCL.
La Betaina pura è stata da noi aggiunta alle vasche di esperimento contenenti dei Black Bass, piccole carpe e un piccolo pesce gatto.
La vasca era lunga 4 piedi e larca 1.5 con vegetazione acquatica e una roccia o due sulla sinistra.
Tutti i pesci stavano a sinistra. Ho aggiunto 10 grani di Betaina a destra e tutte le carpe immediatamente si sono precipitate a destra in cerca di cibo. I Black Bass si sono avvicinati ma non troppo. I pesci gatto sono rimasti a sinistra. Quando le carpe nuotavano a sinistra vicino alle rocce, erano stazionarie , filtravano l’acqua muovendo le branchie molto rapidamente. Quindi cio’ dimostra che si sono mosse a destra solo perché attratte dal cibo. I Black Bass invece erano attratti verso l’area ma hanno continuato a NON cercare cibo. Se avessi messo nell’acqua un richiamo, l’avrebbero cercato? Questo necessita di un ulteriore studio. Inoltre abbiamo visto che alcuni tipi di aminoacidi attraggono di piu’ di altri, così come abbiamo visto che la Betaina aumenta i suoi effetti se combinata con alcuni tipi di aminoacidi. Tre anni fa circa, qualche anno dopo questa conclusione, alcuni studenti fecero dei test, non solo provarono che cio’ era vero, ma evinsero che 2 o 3 tipi di aminoacidi peggioravano addirittura gli effetti della Betaina. E’ per questo che alcune aziende del Regno Unito, producono Betaina con Aminoacidi, piuttosto che da sola.

Converrete con me che, dal momento in cui i prezzi sono così alti ,non è consigliabile acquistare prodotti che non funzionano o funzionano meno.

Gilbert Foxcroft

Non c’è alcun dubbio che la Betaina funzioni, specialmente nelle boilies a lungo termine..
Io uso 10g Betaine in un mix di 1 uovo nell’esca da amo, circa 10 gr in un mix da 6 uova per la pasturazione. Comunque test fatti da me e dai miei amici pescatori dimostrano la differenza fra esche da amo con o senza Betaina!

Daleen de Beer - Henkor

Dai nostri studi di vendita risulta un incremento degli acquisti di prodotti che contengono Betaina da parte dei pescatori più blasonati.”

 

Conclusione:
Mentre nelle aziende che praticano acquacultura non è ritenuto importante, noi però solleviamo il problema: per gli acquirenti non è proprio economica, quindi ci siamo posti la domanda.... funziona o no?


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Commenti

bruno amore il 28/01/15
Il "ragazzo" gioca bene!


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)