Voi Autori

Dei tendilenza insoliti....

Di Luca Loreti pubblicato il 09/05/14

Salve a tutti! Voglio illustrare brevemente un modo per autocostruirsi dei tendilenza un pochino diversi dal solito. Sappiamo tutti che i tendilenza normali diminuiscono di molto la sensibilità per quello che riguarda la percezione delle abboccate e quindi, in molti casi siamo cotretti a farne a meno. Io stesso li utilizzo solo quando è strettamente necessario o nei casi in cui vi è un passaggio di imbarcazioni frequente in zone dove i fondali sono poco profondi. Questo accorgimento in quest'ultimo caso è utile sia che si peschi a lancio o che si utilizzi la barca per calare i terminali. Se poi il fondale davanti a noi sarà cosparso da un fitto prato di alghe capite da soli che un tendilenza che si infila fra le alghe rallenta ancora di più la percezione delle abboccate specialmente se avvengono in calata. La soluzione è semplice e non mi ha dato problemi in tre anni di utilizzo continuo in vari ambienti. Veniamo al sodo..... invece di attaccare il piombo direttamente alla clip per la girella ho provato a collegarlo tramite uno spezzone di una ventina di centimetri di tubetto in pvc o un semplice filo di nylon dello 0,18 o più sottile, in modo che si possa rompere subito in caso di incaglio con qualcosa sul fondo. E' proprio in queti pochi cm di filo che sta la differenza perchè grazie alla maggiore mobilità in tutte le direzioni ci fa sentire prima il fatidico bip. So che è una cosa semplice ma vi lascio con un solo monito Provateci! Ciao a tutti!


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)