News

Che accade a Gramolazzo?

Di Redazione pubblicato il 22/10/17

È mistero intorno al lago di Gramolazzo: il bacino idrico della frazione di Minucciano è a secco di acqua. Una mancanza di acqua che sta provocando un danno alla fauna ittica.

Le cause del danno ambientale sono avvolte dal mistero. C’è chi attacca le istituzioni, complici del disastro a causa della manutenzione annuale della diga. “Purtroppo quello che andiamo a raccontare è l’ennesimo esempio di mala gestione e totale disinteresse da parte delle istituzioni – le parole di Marco Tersitti, promotore del comitato cittadino del Comune di Minucciano -  Il lago di Gramolazzo, un paradiso nel comune di Minucciano sta lentamente morendo a causa della mancanza di acqua legata ad uno svuotamento privo di senso per la manutenzione annuale della diga, decine di quintali di specie ittiche intrappolate in una pozza di pochi metri per un danno economico ed ambientale mostruoso. Tutto questo nel silenzio più assoluto delle istituzioni locali. Sarebbe bastata una collaborazione tra Enel, Comune di Minucciano e le associazioni dei pescatori per cercare perlomeno di salvare quanto più pesci possibile. Invece ognuno ha preferito tacere. L’ennesima dimostrazione – conclude Tersitti - di quanto i nostri territori siano all’abbandono più totale”.
L’Enel smentisce categoricamente le accuse, affermando che le cause della scarsità di acqua siano naturali: “La bassa idraulicità nel lago di Gramolazzo non dipende dalle nostre attività – commenta l’Enel - I nostri lavori interessano la galleria Sillano-Gramolazzo, non il bacino del lago. Quando facciamo operazioni di quel tipo avvisiamo subito scrivendo un comunicato e procedendo alla salvaguardia della fauna ittica. Abbiamo informato le autorità sullo stato del lago. Se in questo momento nel lago non c’è tanta acqua è per cause naturali, per la scarsità di pioggia”.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)