News

CFI e le associazioni per il lago del Salto

Di Agostino Zurma pubblicato il 22/06/11

In allegato la mail inviata alle amministrazioni di competenza e agli organi di stampa relativamente alla riapertura alla pesca professionale nel lago del Salto. 
Un altro concreto passo, il manifestarsi di una volontà di unione, che ha visto CFI partecipare con altre associazioni a vari incontri e a stilare un protocollo d'intesa che presto verrà ufficializzato e reso noto.
Agostino Zurma

 

Alla cortese attenzione di ……….                                                                                           data

 

Oggetto:

  Lettera di protesta a nome di Esox Italia,  Spinning Club Italia e Carpfishing Italia riguardante la riapertura della pesca professionale con le reti nel lago del Salto.

 

ESOX   ITALIA

Esox Italia nasce come iniziativa di diversi club, associazioni e comunità virtuali di pesca al luccio con le esche artificiali. Scopo dell'associazione è la tutela del luccio (esox lucius) e degli ecosistemi che originariamente lo ospitano in Italia; la reintroduzione della specie negli ambienti acquatici dai quali è scomparso e la riqualificazione di tali ambienti; supportare l'educazione, gli studi e la ricerca scientifica sul luccio. Date queste premesse Esox Italia si pone come il presupposto e il punto di partenza per una realtà associativa forte, che andando oltre la semplice difesa di una specie, opera in modo sinergico con le associazioni ambientaliste, con le associazioni di pescatori con maggiore sensibilità ecologica, con gli enti pubblici preposti alla difesa del territorio e della fauna acquatica.Esox Italia riunisce al momento della sua nascita, le maggiori realtà nazionali dell'associazionismo nell'ambito della pesca al luccio non invasiva con esche artificiali

Per ulteriori informazioni : www.esoxitalia.it

SPINNING CLUB ITALIA

Spinning Club Italia è a oggi la piu’ antica Associazione di pesca con esche artificiali in Italia, da anni promuove una disciplina di pesca ecosostenibile che porti a un impatto positivo con gli ecosistemi acquatici, e all’educazione del pescatore nel ruolo di sentinella ambientale, in questa direzione vanno i recenti accordi operativi sottoscritti tra SCI e WWF Italia e FIPSAS.

Per ulteriori informazioni: www.spinningclubitalia.it

CARPFISHING ITALIA

Carpfishing Italia (CFI) nasce 18 anni fa da uno sparuto gruppo di appassionati della Provincia di Grosseto.Oggi possiamo vantare quasi tremila soci con ben cento sedi a rappresentare l’associazione in tutta la penisola, isole comprese, con una rappresentatività che nessun altra associazione privata della pesca sportiva, può vantare. L’associazione è in continuo e concreto movimento ed immagazzina risultati ormai a ritmo incessante. Risultati che sono lo specchio del proprio credo, un insieme di etica, professionalità e impegno sociale che si fondono in ogni iniziativa messa in cantiere. Per etica, si intende un approccio innovativo, rispettoso del pesce e dell’ambiente, come testimoniano le decine di interventi di pulizia delle sponde, la cui valenza principale è la diffusione tra i pescatori della consapevolezza che l’ottenimento di un ambiente migliore passa attraverso l’impegno di tutti. In più occasioni le nostre manifestazioni sono state elogiate da Amministrazioni ed Enti per la loro impostazione di correttezza delle azioni effettuate e di raduno rivolto allo stare insieme. La rappresentanza di CFI in numerose consulte per la pesca è la testimonianza della conoscenza del territorio, amplificata dalla presenza di iscritti nelle fila delle guardie volontarie. Non basterebbe una intera pagina per elencare tutte le attività rivolte al sociale messe in piedi da CFI, tra cui le competizioni di più giorni (enduro) con finalità benefiche di raccolta fondi per varie Istituzioni, per le adozioni a distanza, ecc. Tutte le attività sono orchestrate da un Consiglio direttivo nazionale e da ben 100 responsabili di sede, nonché dal grande lavoro degli iscritti.

Per ulteriori informazioni  www.carpfishingitalia.it

 

Con grande rammarico e preoccupazione veniamo a conoscenza che la provincia di Rieti ha preso la triste decisione di riaprire alla pesca professionale i bacini interni, che grazie a un stop di tali attività hanno riacquisito un valore ambientale ed ecologico unico nel loro genere. In poco tempo erano ritornati ai fasti di un tempo con innumerevoli specie di altissimo valore ecologico, ormai sempre più rare nel resto della penisola. Queste specie, in unione con la carpa, con un elevato  valore ambientale e turistico, richiamano da tutta Italia innumerevole  schiera di appassionati con conseguante trasformazione di meta turistica per intere famiglie. A nome di tutte queste associazioni , e a supporto delle associazioni locali, riteniamo inammissibile nel 2011 una decisione di questo genere, in quanto distruggerebbe la qualità e quantità della fauna acquatica presente con conseguente decadimento di valore turistico ed ambientale, un danno incalcolabile per i paesi rivieraschi . In un momento storico dove l’eco sostenibilità degli interventi umani è di primaria importanza per il bene delle generazioni future riteniamo che gli enti locali debbano lanciare chiari messaggi in questa direzione e lottare per gli stessi. Ormai tutte le discipline alieutiche sportive dilettantistiche stanno promuovendo il catch and release  (prendi e rilascia) per avere un impatto ambientale vicino allo zero, e al contempo stanno unendosi in discipline ecocompatibili per la salvaguardia degli ecosistemi acquatici. Tutti questi sforzi verrebbero vanificati da una decisione di riapertura della pesca professionale che risulta antiquata e pericolosa. Antiquata perché in controtendenza verso la volontà della UE con la  Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE) si andrebbe ad intaccare quegli stock ittici autoctoni che risultano importantissimi per un valore di buona qualità delle acque. Pericolosa in quanto si potrebbero modificare drasticamente la qualità e quantità di specie pregiate quali Luccio, Tinca, Persici, Coregoni e della Carpa  che lascerebbero spazio a specie alloctone infestanti e pericolose di scarso valore ambientale  turistico e alieutico .Tutte le altre provincie Italiane, e moltissimi paesi Europei hanno recepito il valore delle specie acquatiche dell’importanza della tutela della biodiversità (ricordo che l’anno appena trascorso è stato dichiarato dall’UNU l’anno della Biodiversità ) e stanno promuovendo leggi, regolamenti in favore della tutela di questi ultimi.

SPINNING CLUB ITALIA a nome degli iscritti delle sue sezioni rappresentati nelle diverse regioni Italiane,ESOX ITALIA a nome di ogni suo singolo iscritto e degli iscritti dei seguenti club affiliati e comunità di pescatori: Bass and Pike Team, Spinning Club BeBa, Big Pike Team Esox 2000 , Esox Spinning Club VicenzaLanciatori Bassa TrevigianaVenice Spinning Team , Esox mania, Esox.me,  CARPFISHING ITALIA  a nome di ogni suo singolo iscritto e delle proprie sedi rappresentate nelle diverse regioni italiane e degli iscritti della propria sede Crazy Carp Rieti n.ro 173 e in supporto alle associazioni locali Fly Club rieti, Aps Valle del Salto,Lenza Club Alto Lazio, Spinnig Club Rieti, Arcipesca sez. Rieti  chiede un ripensamento di questa decisione, sarebbe un chiaro segno di amore verso la propria terra, verso la propria gente, un atto di modernità politica culturale al passo con il resto delle provincie Italiane e dei Paesi Europei. Invitiamo le amministrazioni ad aprire un dialogo con le realtà locali per creare una sinergia per modificare questo regolamento che porterebbe solamente benefici per tutte le parti chiamate in causa e che trasformerebbe questi splendidi bacini in un vanto rispetto al resto del paese.

A disposizione per ogni eventuale collaborazione e chiarimento.

Distinti saluti.

Esox Italia,

Il coordinatore nazionale, Corrado Forlani

Spinning Club Italia

Il Presidente Nazionale, Mario Narducci.

Carpfishing Italia

Il Presidente Nazionale  Agostino Zurma

 


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)