News

Cartoline dal Delta del PO

Di Redazione pubblicato il 05/06/18

".........Panorami unici, una natura selvaggia ed incontaminata......"

".....La maesosità del Grande Fiume che finalmente raggiunge l'Adriatico per creare un ecosistema unico ed irripetibile....."

Queste ed altre corbellerie si sentono nei programmi televisi e nei report giornalistici quando si parla del Delta del PO. Giornalismo superficiale, propagandisticoche nasconde realtà di devastazione , quello si, veramente irripetibile.

"L’UNESCO ha incluso nella Lista dei Siti Patrimonio dell’Umanitàil il Delta del Po in quanto è un eccezionale paesaggio culturale pianificato che conserva in modo notevole la sua forma originale".

Tralasciando lo stato delle acque, il Delta del PO è la vititma sacrificale del ittionazismo di acuni individui che hanno favorito, vaneggiato e poi ottenuto l'arrivo in Italia di bande di delinquenti lipoveni e di simili etnie.

Territorio già culturalmente arretrato, che dal 2012 ha pensato bene di gemellarsi con il Delta del Danubio così il salto indietro è stato di altri 500 anni.

Grazie al menefreghisno la la irresponsabilità colpevole del Delta, rimane poco, le tensioni contro il bracconaggio sembrano affievolirsi e il problema finisce nel cassetto.

C'è solo da sperare che il nuoso assetto istituzionale mantenga la parola data e cominci a combattere il braccomnaggip in modo diretto, d'altra parte prorpio Lega e M5S sono sempre stati gli interlocutori più vicini alle richieste del mondo della pesca per cui , sperare è lecito.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)