News

Brenta sotto attacco

Di Redazione pubblicato il 04/04/17

Controlli a tappeto, nell’ultima settimana, nelle acque del Brenta nel territorio tra Codevigo e Corte di Piove di Sacco.

Attraverso una sorveglianza h24, il personale della Polizia Provinciale di Padova, i Carabinieri della Compagnia di Piove di Sacco e le Guardie Particolari Giurate Volontarie dell’Associazione Padova Carp Team sono riusciti nell’intento di ostacolare il bracconaggio ittico ormai diffuso nella provincia padovana.

Nei guai sono finiti due pescatori di frodo che, oltre ad aver calato nel fiume oltre 320 metri di rete (superando il limite imposto dalla legge di 50 metri), facevano uso improprio di materiali e strumenti ittici.

Le forze dell’ordine, a seguito di una lunga indagine, hanno sequestrato un natante, munito di motore da 40 cavalli, ed una cinquantina di cefali. Per i trasgressori è prevista una salata sanzionesuperiore a 6mila euro.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)