News

Bracco; fermo e sequestro di pesce

Di Redazione pubblicato il 21/09/17

CINGIA DE' BOTTI - 

Nella serata di martedì, poco dopo l’imbrunire, una banda di pescatori di frodo è stata fermata da una pattuglia di carabinieri, insospettiti dalla presenza di due furgoni, alquanto carichi, notati transitare nell’abitato di Cingia.

I militari, intimato l’alt e fermato il furgone, hanno approfondito il controllo poiché è apparsa fin da subito anomala la presenza all’interno dei mezzi di ben 15 quintali di pesce, di varie specie e di taglie non ammesse, nonché di alcuni generatori di energia elettrica, reti da pesca e guadini col manico munito di isolamento elettrico.

I sette soggetti, responsabili di aver fatto man bassa di ogni sorta di pesce catturato nelle acque del Po, non hanno saputo fornire alcuna spiegazione plausibile circa il possesso de materiale e del pescato, che risultava ancora fresco.

I successivi approfondimenti d’indagine hanno permesso agli uomini dell’Arma di individuare la base operativa della banda in un immobile posto nelle campagne di Cingia de’ Botti.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche:








Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)